Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

18 Ottobre 2019

Ciao Francesco

Ciao Francesco

***

A riassemblà li pezzi nun ce riesco,

ciò in mente solo l’occhi tua e quer viso,

ch’è sempre acceso dentro a un gran soriso,

che fa parte de te, caro Francesco.

***

Sei ito via così a l’improviso,

senza avvertì, che so, dicenno … “esco”,

parole ‘ndó le cerco e ‘ndó le pesco,

ner mentre t’avvicini ar Paradiso.

***

Ché tanto te s’è aperta quela porta,

der Regno de Giustizzia e Eterna Pace,

che nun conosce certo gente morta.

***

Pe chi hai lassato qui io prego Dio,

pe dà conforto, mó che tutto tace,

a chi più piagne: tu’ moje e tu’ fìo.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. A riassemblà li pezzi nun ce riesco,
    ciò in mente solo l’occhi tua e quer viso,
    ch’è sempre acceso dentro a un gran soriso,
    che fa parte de te, caro Francesco. …

    Comment di Stefano — 18 Ottobre 2019 @ 23:38
  2. Una Preghiera per Francesco.

    Comment di letizia — 19 Ottobre 2019 @ 10:54

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>