Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

12 Novembre 2019

Amor ch’a nullo amato …

Amor ch’a nullo amato

***

E come li stornei ne portan l’ali,

nel freddo tempo, a schiera larga e piena,

così quel fiato li spiriti mali,

di qua, di là, di su, di giù li mena“.

***

Li quattro verzi a “peccator carnali“,

de tutta la Commedia in artalena,

ch’er sommo Vate mette tali e quali

ar quinto canto de l’Inferno, in scena.

***

Er canto de l’Amor ch’a nullo amato,

e de l’innamorati  e un galeotto

libbro e d’un bacio a volà via, rubbato.

***

‘Gni vorta che lo leggo er còre evade

e m’aritrovo a dì, tutto de botto,

e caddi come corpo morto cade”.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. “E come li stornei ne portan l’ali,
    nel freddo tempo, a schiera larga e piena,
    così quel fiato li spiriti mali,
    di qua, di là, di su, di giù li mena“. …

    Comment di Stefano — 12 Novembre 2019 @ 05:33
  2. E’ il quinto canto, il più famoso dell’Inferno, e forse di tutta la Divina Commedia, l’opera maestra, capolavoro letterario irripetibile nella storia umana!

    Comment di Silvio — 12 Novembre 2019 @ 12:33
  3. In vita Paolo e Francesca si sono lasciati travolgere dalla passione amorosa e ora, secondo la legge del contrappasso, sono travolti da una bufera incessante:”…di qua, di là, di su, di giù li mena“
    Dante il è il più grande Poeta di tutti i tempi!
    Buona Giornata

    Comment di letizia — 12 Novembre 2019 @ 12:39

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>