Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

22 Novembre 2019

22 novembre: Santa Cecilia

22 novembre: Santa Cecilia

***

Si mó strimpello un poco la chitara

e schiaccio co le dita ‘na tastiera,

sonanno a orecchio, a dì la cosa vera,

io già pe questo ce l’ho tanto cara …

***

… ma si ce sommo, tutta quanta intera,

‘sta voja de rimà, ch’è senza tara,

come potrei nun èsse, è cosa chiara,

devoto a lei, che tra li santi in schiera …

***

… è quella che protegge li poeti

e musicanti vari e che concilia,

scrittori e sonatori senza veti?

***

Come potrei da l’Alpi a la Sicilia,

nun preferì la mejo tra l’asceti?

Avrai capito chi: Santa Cecilia.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Si mó strimpello un poco la chitara
    e schiaccio co le dita ‘na tastiera,
    sonanno a orecchio, a dì la cosa vera,
    io già pe questo ce l’ho tanto cara …

    Comment di Stefano — 22 Novembre 2019 @ 05:22
  2. W Santa Cecilia, protettrice di poeti e musicanti!
    W la fabbrica dei venerdì!
    Buon fine settimana!

    Comment di Silvio — 22 Novembre 2019 @ 09:08
  3. S. Cecilia è una grande Santa: morì decapitata perché si era convertita al cristianesimo.
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 22 Novembre 2019 @ 13:46

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>