Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

20 Novembre 2020

Incubbo che aritorna

Incubbo che aritorna

***

Ciò un incubbo, ch’è pure ricorente,

che un ber giorno, in men che nun sia detto,

nun riesco a scrive più manco un sonetto,

ce provo e ce ariprovo … e invece gnente.

***

Cerco ‘na rima, pe scoprì l’effetto

de nun trovalla pe quarche accidente,

ma manco quelle facili e la mente

nun sa spiegà er perché de ‘sto difetto.

***

Ne l’incubbo poi penzo … nun pò èsse

ch’ho perzo tutt’a un botto ‘sta mia dote,

scrivevo rime come si piovesse.

***

E tutte chiaramente ne l’idioma …

e mentre me domanno cose ignote,

sona la sveja … e rimo … rimo Roma.

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. Ciò un incubbo, ch’è pure ricorente,
    che un ber giorno, in men che nun sia detto,
    nun riesco a scrive più manco un sonetto,
    ce provo e ce ariprovo … e invece gnente.

    Comment by Stefano — 20 Novembre 2020 @ 03:40
  2. Il Signore che ti ha concesso questa dote non ha motivo di sottrartela!
    Perché ti vengono questi incubi? Forse a cena esageri un po’!?
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 20 Novembre 2020 @ 12:07
  3. D’accordo pienamente sul pensiero del giorno. L’epidemia non guarda date né ricorrenze, e poi la vita umana non è barattabile con nulla!

    Comment by Silvio — 20 Novembre 2020 @ 18:27
  4. Letizia e Silvio, grazie di esserci sempre. Ve lo dico sempre troppe poche volte …

    Comment by Stefano — 20 Novembre 2020 @ 20:27

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>