Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

6 Marzo 2021

Er palestrato

Er palestrato

***

Te credi Swarzenegger o Stallone,

t’alleni sei, sett’ore ar bilanciere:

addome, braccia, petto in su, sedere

e ciài un aspetto che mette ’mpressione.

***

Vai a “pompà” così tutte le sere,

fin’a portà ’gni muscolo in trazzione,

quelli de cui nemmanco ciài nozzione

e sudi da “tuareg” cammelliere.

***

E mó che ciài ’sto fisico modello,

te resta solo un muscolo che manca,

quanno li conti tutti e fai l’appello.

***

Ma nun ce sta un attrezzo, né ’na panca,

in grado d’arisuscità er pisello

e s’arza solo la bandiera bianca!

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. Te credi Swarzenegger o Stallone,
    t’alleni sei, sett’ore ar bilanciere:
    addome, braccia, petto in su, sedere
    e ciài un aspetto che mette ’mpressione. …

    Comment by Stefano — 6 Marzo 2021 @ 06:57
  2. Fantastico! Certo, i cosiddetti “palestrati” a me fanno proprio pena!
    Chissà se allenano pure il cervello!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 6 Marzo 2021 @ 11:05

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>