Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

16 Marzo 2021

Er frescone

Er frescone

***

Perché vivi così? Mica va bene!

Scusa si me ’ntrometto e meravijo:

abbozzi sempre, senza batte cijo,

te fai sfruttà e mette le catene.

***

Si eri un artro e co ben artro pijo,

ma quanno sopportavi più ’ste pene,

t’aribbolliva er sangue ne le vene,

e minimo seguivi ’sto conzijo.

***

Invece sei un frescone, troppo bono,

te fai fà tutto e quanno ciài da perde,

sei pure er primo che chiede perdono.

***

Chissà si prima o poi te scatta er verde,

e ar semafero de l’abbandono,

dirai a tutti: “Ve saluto … merde!”

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. Perché vivi così? Mica va bene!
    Scusa si me ’ntrometto e meravijo:
    abbozzi sempre, senza batte cijo,
    te fai sfruttà e mette le catene.

    Comment by Stefano — 16 Marzo 2021 @ 04:29
  2. A volte è più conveniente “passà da fresconi” per non farsi sangue amaro, per non cadere in reazioni sproporzionate o per evitare guerre inutili. Ma il giorno che il saggio (che passa per ingenuo) si incazza veramente non vorrei stare nei panni della controparte!

    Comment by Silvio — 16 Marzo 2021 @ 09:36
  3. Questo sonetto è la fotografia del Popolo Italiano che spero si incazzi davvero, perché tutto quello che ci stanno facendo non si sopporta più!
    Buona giornata.

    Comment by letizia — 16 Marzo 2021 @ 13:02

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>