Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

1 Maggio 2017

Er primo maggio

Tags: , , ,

pic-nic-1-maggio

Er primo maggio

***

È tradizzione a Roma, er primo maggio,

portà la fava e er cacio pecorino,

der casereccio, ber fiasco de vino,

pe fà ‘na gita fòra da sto raggio.

***

Così pò èsse che, già dar matino,

se formeno fiumane de passaggio,

tra carovane d’auto a l’arembaggio,

der mejo posto tra Arbano e Marino.

***

Sicché li prati l’aje e li cortili,

quer giorno se trasformeno in locanne,

a l’aria aperta de “picnic” e asili.

***

Ma chi ce lassa avanzi e anche mutanne

e  prenne ‘sti bei campi pe’ porcili,

dovrebbe da campà de bacche e ghianne.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. È tradizzione a Roma, er primo maggio,
    portà la fava e er cacio pecorino,
    der casereccio, ber fiasco de vino,
    pe fà ‘na gita fòri da sto raggio. … (continua)

    Comment di Stefano — 1 Maggio 2017 @ 07:35
  2. Bongiorno, bon mese e … bon 1° Maggio. Ch’a giornata sia propizzia pe l’estemporanea scampagnata, cosi come illustrata e decantata ner ber sonetto.

    Vero er penziero der giorno; democrazia e lavoro so’ parole rimaste sopra la carta, ché i valori relativi so’ spariti. Pe er lavoro c’è rimasta ‘a festa, p’a democrazia manco quella.

    Comment di 'svardo AsR'29 — 1 Maggio 2017 @ 09:35
  3. Festeggiamo il 1° maggio e buona scampagnata a tutti!

    Comment di letizia — 1 Maggio 2017 @ 09:45

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>