Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

26 Aprile 2021

La fretta

La fretta

***

A córe, sempre in giro, e pe ’gni dove,

tarantolato ballo de San Vito,

pare ch’ar culo t’hanno messo un dito,

e pe levattelo te devi move.

***

Nun c’è momento che sai dì: “Finito!”,

e spigni e sudi e scarci tipo bove,

sempre de prescia, come quanno piove,

che vai cercanno nun s’è mai capito.

***

Te sei fermato un quarto de seconno,

pe chiedete che serve annà de fretta,

si nun te godi gnente ner profonno?

***

Quanno succederà ’sta cosa letta,

arisvejato da un eterno sonno,

ciavrai quarcuno mai che te dà retta?

***

Stefano Agostino

____________________

***

  1. A córe, sempre in giro, e pe ’gni dove,
    tarantolato ballo de San Vito,
    pare ch’ar culo t’hanno messo un dito,
    e pe levattelo te devi move.

    Comment by Stefano — 26 Aprile 2021 @ 06:42
  2. Verissimo! Siamo ormai così abituati a correre che lo facciamo ormai per abitudine anche quando non abbiamo fretta

    Comment by Silvio — 26 Aprile 2021 @ 13:16
  3. Io non vado mai di fretta, forse è per questo che faccio sempre tardi?
    Buona Giornata!

    Comment by letizia — 26 Aprile 2021 @ 13:42
  4. ……. e poi la Pandemia, che ha rallentato tutto e tutti di nuovo !

    Comment by romano cb — 26 Aprile 2021 @ 13:54

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>