Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

18 Giugno 2021

Porta Portese

Porta Portese

***

È rito, la domenica matina,

annà giranno pe Porta Portese,

cercanno robba che nun cià pretese,

dar cencio vecchio a ’na lampadina.

***

Ma tocca stà in campana co le spese,

capanno tra la merce ballerina,

che si ’na cosa nun è truffardina,

ce sò un sacco de sòle e de sorprese.

***

Un “Tutt’a 10 euri” inzù quer banco:

“Signo’, ’sta tuta è la misura sua?

Je sta sputata e ce l’ho pure in bianco!”

***

“La soneria me pare quella tua,

ma sì… quella der tizzio qui a fianco?” –

“È er cellulare mio, mortaccisua!”

***

Stefano Agostino

_____________________

***

  1. È rito, la domenica matina,
    annà giranno pe Porta Portese,
    cercanno robba che nun cià pretese,
    dar cencio vecchio a ’na lampadina. …

    Comment by Stefano — 18 Giugno 2021 @ 05:40
  2. E’ un mercato da me molto frequentato: se si sa comprare si fanno ottimi affari!

    Comment by Silvio — 18 Giugno 2021 @ 10:41
  3. Era un mercato che mi piaceva frequentare e c’ho comprato pure delle belle cose! Ormai sono anni che non ci vado più: la domenica mattina c’è una bella ressa ed io, purtroppo, non ho più vent’anni!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 18 Giugno 2021 @ 11:57

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>