Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

28 Giugno 2021

Li sette colli

Li sette colli

***

Er primo, ch’è er più antico, è l’Aventino,

se passa poi in rassegna ar Viminale,

a cui s’accoppia spesso er Quirinale,

li segue a rota sempre l’Esquilino.

***

Poi ce sta er Celio, ’ndó c’è l’ospedale,

der marinaro come de l’arpino,

vicino ar Colosseo, c’è er Palatino,

a chiude er Campidojo, più centrale.

***

È su ’sti colli che s’adaggia Roma,

pe fasse riccontà da li sonetti,

che escheno da soli in de ’st’idioma.

***

Così da fà quattordici verzetti,

uniti inzieme pe rimà l’assioma,

che Roma s’ama co preggi e difetti.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

  1. Er primo, ch’è er più antico, è l’Aventino,
    se passa poi in rassegna ar Viminale,
    a cui s’accoppia spesso er Quirinale,
    li segue a rota sempre l’Esquilino. …

    Comment by Stefano — 28 Giugno 2021 @ 06:19
  2. Continua il tour della nostra bella e amata città!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 28 Giugno 2021 @ 12:08

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>