Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

19 Agosto 2021

Castel Sant’Angelo

Castel Sant’Angelo

***

È granne guasi quanto er Colosseo,

a Roma nun c’è artro monumento,

che ha cambiato faccia a gradimento,

prima de fà l’odierno gran museo.

***

Veloce come ch’è girato er vento,

da ch’era nato un dì mausoleo,

fu carcere, poi loco mediceo,

reggia papale in der Rinascimento.

***

Ha preso er nome propio de Castello,

pe l’Angelo che sfoderò la spada,

sarvanno Roma da peste e macello.

***

Perciò, quanno l’incontri e sei pe strada,

ricorda de tiratte giù er cappello

e dije “grazzie” che Roma ce bada!

***

Stefano Agostino

_____________________

***

  1. È granne guasi quanto er Colosseo,
    a Roma nun c’è artro monumento,
    che ha cambiato faccia a gradimento,
    prima de fà l’odierno gran museo. …

    Comment by Stefano — 15 Agosto 2021 @ 16:46
  2. Castel Santangelo un’altra storica bellezza di Roma!
    Sempre FORZA ROMA!!!!!!!!!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 19 Agosto 2021 @ 10:45

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>