Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

25 Settembre 2021

Ritorno ar medioevo

Ritorno ar medioevo

***

Dar quinnici de ottobbre tutti indietro,

ritorno in ufficio ar naturale,

lo smart-working sopra ar capezzale,

finisce giù in cantina, dietro a un vetro.

***

‘Na mossa che cià più der medievale,

che fa tornà a tanto tempo addietro,

serve a riempì li autobus, le metro,

e tutti assieme in centro … sì… geniale.

***

Perché nun ritornà ar manicotto,

ar timbro, a pennino e ceralacca,

co la carta carbone a passà sotto?

***

Co clima e ecologgia che vanno in vacca,

co li “mijori” che mó ciànno rotto,

e ‘sto Paese affonna ne la cacca.

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. Dar quinnici de ottobbre tutti indietro,
    ritorno in ufficio ar naturale,
    lo smart-working sopra ar capezzale,
    finisce giù in cantina, dietro a un vetro. …

    Comment by Stefano — 25 Settembre 2021 @ 05:50
  2. Se la pandemia è stata solo un complotto ordito per renderci schiavi, beh hanno fallito! Chissà che altro ci riserva il futuro!?
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 25 Settembre 2021 @ 11:48

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>