Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

20 Novembre 2021

A Silvana

A Silvana

***

De tutti noi sei un po’ come ‘na mamma,

de certo nun sortanto ‘na collega,

perciò qui ‘sto legame ce ce lega,

va ortre la penzione e er suo programma.

***

E poi der resto a noi checcenefrega,

tu sei Silvana, che pe noi nun smamma,

e oggi stàmo qui senza fà dramma,

semmai pe festeggià … guai chi lo nega …

***

… che te volemo bene e resterai,

pe sempre inzieme in nostra compagnia,

anche si oggi pare te ne vai …

***

… ma pure in mezzo a tutta l’alegria,

‘na lacrimuccia parte, e ce lo sai,

ch’è triste e vòta la tua scrivania.

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. De tutti noi sei un po’ come ‘na mamma,
    de certo nun sortanto ‘na collega,
    perciò qui ‘sto legame ce ce lega,
    va ortre la penzione e er suo programma. …

    Comment by Stefano — 20 Novembre 2021 @ 01:16
  2. E’ bello festeggiare il pensionamento di una collega con la quale si è condivisa molta vita! Anche da me “tanti Auguri” a Silvana!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 20 Novembre 2021 @ 12:36

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>