Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

28 Gennaio 2022

Qua la mano

Qua la mano

***

Nun preoccupatte mai più der dovuto,

la vita va veloce e nun t’aspetta,

pe quanto te l’allunghi, damme retta,

lei t’ha fregato già un artro minuto.

***

Ché co ’sta smania tua, tutta ’sta fretta,

che ciài da sempre e che ce sei cresciuto,

pe staje appresso a tutto … te saluto,

fai li guadambi de Maria Carzetta.

***

Solo un conzijo er mio, nun fà ’no scatto,

ma prova a raggionà si nun è sano

siglà ’na mezza spece de contratto …

***

… e dì a la vita: “Damme qua la mano,

vòi èsse topo? Io nun faccio er gatto,

tu va’ de prescia, io me movo piano!”

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. Nun preoccupatte mai più der dovuto,
    la vita va veloce e nun t’aspetta,
    pe quanto te l’allunghi, damme retta,
    lei t’ha fregato già un artro minuto. …

    Comment by Stefano — 28 Gennaio 2022 @ 06:36
  2. Ad una certa età (e specialmente dopo gli anta) la vita va così veloce che non è possibile starle dietro! Quindi, per gustarla sino alla fine è meglio rallentare, per poterla vivere più intensamente!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 28 Gennaio 2022 @ 13:54

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>