Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

La Roma in rima

27 settembre 2016

Poker de 10: auguri France’

Poker de 10: auguri France’

 ***

Quaranta? Maddeché, si sei un pischello

cor dieci tatuato su la schiena,

la fascia ar braccio a strigne tutta piena

la Roma in de un abbraccio de un fratello.

***

Er còre granne purza da ‘gni vena

la classe che te parte dar cervello

che dà a le gambe er tocco de pennello

che t’esce a ‘gni giocata che scatena.

***

Perciò macché discorzi ‘sti quaranta,

un giorno come un artro che fa spazzio

a artri ancora ducentocinquanta.

***

Auguri Capitano t’aringrazzio

perché der nome tuo Roma se vanta,

chi nun lo fa è un poraccio de la Lazzio.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima

26 settembre 2016

La situazzione

La situazzione

***

Avé li stessi punti de la Lazzio,

m’abbasta pe mannamme in depressione,

pari co “quelli” è già un’umiliazzione,

che vale più de un quarzivoja dazzio.

***

Lo so, semo a l’inizzio de staggione,

c’è tutto er tempo, sì e tutto lo spazzio,

ma de ‘sti bei discorzi nun me sazzio,

nun oggi armeno co ‘sta situazzione.

***

Se sta già a conformà qui un ber divario

tra noi e le prime che coreno avanti,

ché a aricchiappalle è già straordinario.

***

L’attacco è un po’ spuntato lì davanti,

er centrocampo è un gran miscujo vario

e in difesa hai da pregà li santi.

***

Qui tocca conzurtà l’abbecceddario

der carcio e aritrovasse tutti quanti,

e fà girà ‘sta rota a l’incontrario.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Stagione 2016/17

25 settembre 2016

Torino – Roma

Torino – Roma: 3-1

***

Nun ce sò scuse, nun ce sò attenuanti,

‘sta Roma d’oggi nun pò avé difesa,

dopo che s’è anniscosta e che s’è aresa

de fronte a un Toro e go’ de l’ex pesanti.

***

‘Na squadra senza idee e senza ‘na presa

va a perde brutto e lassà annà distanti

le prime de la classe mó già avanti

de punti che già chiameno un’impresa.

***

E a nun guardà le cose come stanno

nun se fa de sicuro un gran favore

sia a la verità che a Roma … quanno

***

qui se va avanti solo su rigore

co Totti che 40 fa quest’anno

e tutto er resto ch’è senza un colore.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “er riccone e er poveraccio”

Dar Vangelo der giorno: “Er riccone e er poveraccio”

***

I

Un magnaccione pieno assai de grano,

se dava a li banchetti e un poveraccio

lì in su la porta sua co quarche straccio,

chiedeva da magnà un avanzo invano.

***

Er povero morì e, pe un fattaccio,

er ricco pure, ma diverzo er piano

p’er primo er Paradiso e l’artro, sano,

tirato giù a l’Inferno, ar peggio braccio.

***

L’ex ricco chiese a Abramo: “Pe favore,

me pòi mannà un po’ d’acqua, ciò ‘na sete,

in mezzo a ‘sto gran foco e ‘sto calore?

***

Ve prego, fate presto su, corete,

nun ce la faccio a sopportà er dolore,

‘sta fiamma che me brucia, nun sapete”.

***

II

***

Ma Abramo j’arispose: “Nun lo sai,

che tra voi e noantri in Paradiso,

ce sta un abbisso che terà diviso,

pe sempre chi sta “Qui” e chi tra guai.

***

E allora quello ar fòco, tutto intriso

de gran tristezza, disse: “Allora vai,

da li’ fratelli vivi, a cui dirai

de nun fà come me, senza un soriso”.

***

Abramo replicò: “A ‘sti fratelli,

che ciànno già Mosè e li Profeti,

nun je serveno artri campanelli.

***

Si nun vonno seguì leggi e decreti,

manco a mannà li morti da ‘st’avelli

je dànno retta … è inutile che mieti!”

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

24 settembre 2016

Trinità de’ Monti restaurata

 Trinità de’ Monti restaurata

 ***

M’ariccomanno mó ch’è linna e pinta,

aripulita e in più restaurata,

damose prima noi ‘na controllata,

intenno noi romani, e no pe finta.

***

Lassamola durà così incantata,

da cartolina ché pare dipinta,

bellissima, de ‘na bellezza vinta

da nessun’artra opera creata.

***

Nun famone pe primi noi un bivacco,

‘ndó annà a magnà sdrajati e co l’annazzo

de chi vive sbracato da lo stracco.

***

Ma damo noi l’esempio ar paparazzo

che viè pe pià ‘no spunto e fà un attacco

a noi e a ROMA … e s’attaccasse ar cazzo!

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

23 settembre 2016

Autunno

Autunno

***

È la staggione der ritorno a scòla,

der tempo che s’aggriggia e der majone,

de le giornate cor termosifone,

de quanno ch’accoperti le lenzola.

 ***

E li colori vanno dar marone,

tennente ar rosso mogano e nocciola,

le foje intappetate a fà da spola,

dar giallo paja a l’ocra più carbone.

 ***

Prima de la castagna e der novello,

ce sò li fichi scuri de Settembre,

ma quann’è Ottobbre er sole cià er mantello.

 ***

Piagne li morti, er cèlo de Novembre,

la sciarpa pare dì a guanti e cappello,

ch’è tempo de sgobbà, ecco Dicembre.

***

Stefano Agostino

___________________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2016/17

21 settembre 2016

Roma – Crotone

Roma – Crotone: 4-0

***

El Sharaawy, Salah e doppio Dzeko

la Roma torna a vince  e quattro a zero

er cèlo che s’è fatto meno nero

da quer fattaccio de Firenze bieco.

***

Partita senza storia, né mistero

ma finarmente dopo tanto spreco

se vince a mani basse e qui nun reco

un torto a l’avverzario tutto intero.

***

Mó c’è da daje er seguito a ‘sta storia

pe credece co un po’ più de fiducia

ne l’èsse in grado de proseguì in vittoria.

***

Perciò va bene oggi e er risurtato

ma a me Firenze ancora assai m’abbrucia

anche si sta a l’inizzio er Campionato.

***

Stefano Agostino

***