Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

17 ottobre 2017

Er ciclone a l’incontrario

Ophelia er ciclone a l’incontrario

***

E ce mancava solo che un ciclone

prennesse contromano e a l’incontrario

la strada su l’oceano, un binario,

che l’ha mannato a l’artra direzzione.

***

Fenomeno che è straordinario,

cosi ce dice la televisione,

anche l’esperti senza spiegazzione

de come e der perché va in antiorario.

***

Er clima se sconvorge e nun aspetta

che li scènziati scoprono er motivo,

ché tutto cambia e pure troppo in fretta.

***

Come ‘sto tempo d’oggi ch’è più estivo,

che tarda primavera a daje retta,

Chissà com’è? Punto interogativo.

***

Stefano Agostino

____________________________________

***

La Roma in rima

16 ottobre 2017

Forza Roma

Forza Roma

***

Nun è successo gnente, stamo boni,

s’è perza ‘na partita, sì, d’accordo,

ma nun mollamo adesso, tutti a bordo,

c’è ancora un campionato d’occasioni.

 ***

S’è perza ‘na partita, sì, concordo,

che vole dì parecchio, ma s’azzioni

anch’er cervello e nun solo emozzioni

che ciànno le raggioni in de un ricordo.

***

C’è da guardà a che ‘sto campionato

è lungo ancora assai e tutto è aperto,

nun c’è gnente de scritto e già stampato.

***

C’è da lottà anche a viso scoperto,

pe annasse a ripià quer ch’è negato

da sorte che così nun dura certo.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

15 ottobre 2017

Dar Vangelo der giorno: “l’invitati a nozze”

Dar Vangelo der giorno: “l’invitati a nozze”

***

Er Regno è come un Re che dà un banchetto

de nozze pe su’ fìo, ma l’invitati,

che pure da li servi sò chiamati,

mica ce vanno, oppongheno un riggetto.

***

Allora er Re dice a li servi: “Ingrati,

ho preparato tutto, era perfetto,

e questi, senza un pelo de rispetto,

nun sò venuti, anzi, se sò dati.

***

Ite a chiamà la gente giù pe strada,

chiunque pò venì, si cià ‘na veste

degna de un matrimonio e che je vada”.

***

Quer Re, prima che tutto ebbe inizzio,

a un omo senza l’abbito pe feste,

je disse: “Via de qua. Ner precipizzio”.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2017-18

Roma – Napoli

Roma – Napoli: 0-1

***

Ché nun se dica, manco mai pe scherzo,

che qui nun rimo e scrivo co un sonetto,

solo perché c’è stato ‘sto verdetto,

de zero a uno e che la Roma ha perzo.

***

Nun è de certo ‘na sconfitta, ar netto

de infortuni a raffica e der verzo

de la fortuna che va de traverzo,

a famme nun rimà così de getto.

***

Co un avverzario certamente forte,

la Roma nun ha mai demeritato,

e questo già me basta mille vorte.

***

C’è tutto ancora in ballo, un campionato,

magara co un ber po’ de bona sorte,

tutto pò èsse ancora conquistato.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Romanamente

14 ottobre 2017

Un Autunno che pare Estate

Un Autunno che pare Estate

***

Più che un Autunno, pare ancora Estate,

se ne sò accorte pure le zanzare,

er tempo è quello esatto p’annà ar mare,

anche se sò più corte le giornate.

***

Ce sta un anticiclone, armeno pare,

che sta a tené a le porte, separate,

le cose che l’Autunno s’è portate,

la pioggia, er vento, er freddo, a lui più care.

***

Così che ce se veste sì a cipolla,

ma t’aritrovi quann’è mezzogiorno

co ‘na majatta addosso che se ‘ncolla …

***

… come der pieno Lujo a fà ritorno,

e si ‘na foja gialla a un tratto crolla,

ce ne sò mille verdi appese attorno.

 ***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

13 ottobre 2017

Battisti e l’estradizzione

Battisti e l’estradizzione

***

Mó cià paura de l’estradizzione,

ché si ritorna qui sò giorni tristi,

ha da scontà la pena che a Battisti,

vor dì finì li giorni a stà in priggione.

***

Ma guarda un po’ … ‘sti pori teroristi,

che brindeno pur in televisione,

 pe avella fatta franca a ‘sta nazzione,

che deveno passà, pe leggi e visti ?!?

***

“Quattr’omicidi? Tutto ‘sto macello?

Faje scontà l’ergastolo a ‘sta gente,

passati tutti ‘st’anni nun è bello!”

***

C’è pure chi raggiona alegramente

e se n’esce, come dì … a pisello,

ner monno a la rovescia veramente!

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

12 ottobre 2017

Er viaggio de Colombo

er viaggio de Colombo

Er viaggio de Colombo

***

Me immaggino Cristoforo Colombo,

er viaggio a bordo de le Caravelle,

cercà le Indie e nun riuscì a vedelle,

tra un orizzonte d’acqua e lo strapiombo.

***

A un equipaggio d’ommini da celle,

pe l’occasione libberi dar piombo,

dije che nun è piatto o quadro o a rombo,

ma tonno er monno visto da le stelle.

***

E lunghi giorni de navigazzione,

rischià la vita a predicà la sfera,

tra la bonaccia e venti da ciclone.

***

E quanno er sogno je sembrò chimera,

tra mozzi e marinai in rivoluzzione,

chissà che mai penzò a quer grido: “TERA !!!”

***

Stefano Agostino

___________________________

 ***