Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

La Roma in rima,Stagione 2016/17

4 dicembre 2016

Lazio – Roma

Lazio – Roma: 0-2

***

Si vinci un derby nun serve un sonetto,

abbasta vince pe fà poesia

ch’è musica, è pura melodia,

è gusto che raggiunge er mejo effetto.

***

È un’eplosione e più de fantasia,

è er massimo sentore de diletto,

pura goduria, che te batte in petto,

e che cancella ‘gni artra malatia.

***

Er primo go’ de Kevin aritornato

la lavatrice che conoscevamo

e che nun ce n’è uguale in Campionato.

***

Er due è de Radja che … ma che scherzamo? …

segna da casa sua pe tutto er prato,

e ancora stamo qui che festeggiamo.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno – “preparate la Via der Signore”

Dar Vangelo der giorno:

preparate la Via der Signore”

***

Ar tempo de Tiberio imperatore,

der re Erode e er duo de Caifa e Anna,

li sommi sacerdoti, ma commanna

Ponzio Pilato, ch’è governatore …

***

… pe Israele venne un’artra “manna”,

Giovanni ch’era lì, predicatore,

pe preparà la Via a quer Signore,

nato a Betlemme, dentr’a ‘na capanna.

***

La voce de chi grida: “Pentimento,

ché gni burone già sarà riempito,

‘gni monte diverà un avvallamento …

***

… ‘gni tratto storto, raddrizzato, e er fio

de la sarvezza a l’omo, è stabbilito,

lo sconterà Gesù, er Fìo de Dio.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

Poesie romanesche

3 dicembre 2016

Trilussa – La Fede

La Fede

***

Quela vecchietta cèca che incontrai,

la notte che me sperzi in mezzo ar bosco,

me disse: “Si la strada nun la sai,

te ciaccompagno io, ché la conosco.

Si ciài la forza de venimme appresso,

de tanto in tanto te darò ‘na voce,

fino là in fonno, ‘ndò ce sta un cipresso,

fino là in cima, ‘ndò ce sta ‘na Croce”.

Io j’arisposi: “Sì, ma trovo strano,

che me possa guidà chi nun ce vede”

La cèca allora me pijò pe mano

e sospirò: “Cammina”. Era la Fede.

***

Trilussa

____________________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

2 dicembre 2016

4 dicembre 2016

4 dicembre 2016

***

Ammazza che domenica de incastro,

er referendum costituzzionale,

er derby, che me sto già a sentì male,

li funerali a Cuba a Fidèl Castro.

***

Esequie, seggio e sfida cor lazziale,

pe seguì tutto ce vò un libbro mastro,

er “Sì” o “No”, la gara co l’impiastro

eppoi in tivvù un occhio ar funerale.

***

Dar “de profundis” p’er leader cubano,

ar voto in più pe la Costituzzione

e la partita p’er feudo romano …

***

… speranno de nun fà mai confusione,

tra addii e vittorie messe in primo piano,

e fà uscì un “Nì” a la tumuLAZZIOne.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

1 dicembre 2016

Dicembre romano

Dicembre romano

***

Dicembre odora già de luci accese,

negozzi aperti e corze pe regali,

pacchi e pacchetti de strenne speciali,

tra ponti lunghi e feste a fine mese.

***

 Zampogne e canti più tradizzionali,

presepi ar dentro e ar fòri da le chiese,

vetrine in fila, come braccia tese

pe abbraccicà clienti occasionali.

***

Entra l’Inverno quanno ch’è er ventuno,

poi er 24, a tavola, un canestro

p’aricordà quer Pupo a quarchiduno.

*** 

Vabbè, ma poi che famo a San Sirvestro?

Nemmanco er tempo a dillo è già trentuno …

e anche quest’anno è ito … “Evvai, maestro!”

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

30 novembre 2016

L’idea politica

L’idea politica

***

Si parli de politica, è un istante,

e già te sei schierato e sei bollato

pe matto, si va bene, in chi hai toccato,

che era amico e mó te sta distante, …

***

… e saggio pe chi invece s’è trovato

a raggionà uguale a te, carzante,

come a giocà co Re, Cavallo e Fante,

e Asso e Tre de Briscola accoppiato.

***

Così che s’è creata divisione,

da quer momento è come avé un tatuaggio,

che sei così, in base a l’oppignone.

***

Io nun ce tengo a èsse matto o saggio,

ne ar giudizzio de l’artre perzone,

me tengo l’idea mia e seguito er viaggio. 

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

29 novembre 2016

Ar referendum der 4 dicembre

Ar referendum der 4 dicembre

***

E tutto er giorno co ‘sta tiri-tera

der referendum e cor primo ministro

ch’appare dapertutto a dì “Amministro

e propaganno er “Sì” a l’Italia intera”.

***

Nun cià lavoro o artro ner registro

de fà comizzi da matina a sera,

promette ‘gni chimera e che l’avvera,

si invece vince er “No” c’è ‘gni sinistro.

***

Rigala sòrdi a tutti, a questo e quello,

a destra, a manca e va a sanà er Paese

Babbo Natale, fronte a lui, è un pivello.

***

Nun ce saranno tasse più, né spese,

e manco servirà mai più l’ombrello …

sortato fino ar 4 de ‘sto mese.

***

Stefano Agostino

____________________________

***