Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

22 maggio 2018

Conte e contratto

Conte e contratto

***

Ancora manco è nato ‘sto Governo,

Di Maio co Sarvini e er premier Conte,

che già se sò schierate come ar fronte

bocche de foco pronte a fà l’inferno.

***

Già intravvedendo certo un orizzonte,

sia dentro der Paese che a l’esterno,

de povertà e sciagure in triste arterno,

de ‘gni tipo de guai, la vera fonte.

***

Nessuno se curasse de quer fatto,

pe ‘sti balordi certo indiferente,

che Lega e 5stelle e ‘sto contratto …

***

… artro nun sò che quello che la gente,

er popolo ha voluto … e er dado è tratto,

democrazzia se chiama,  … pe voi gnente! 

***

Stefano Agostino

_______________________

***

La Roma in rima,Stagione 2017-18

20 maggio 2018

Sassuolo – Roma

Sassuolo – Roma: 0-1

***

La Roma vince e batte er Sassuolo

co go’ de Manolas e chiude terza,

pe me ‘sta rima oggi manco sterza

anzi se ‘nchioda qua a ‘sto verzo solo.

***

Perché quer che nun va certo disperza

è un’artra rima su chi tifa a nolo,

quelli che tutto l’anno fanno er volo

pe sta a tifà la squadra a Roma avverza.

***

Quelli de quell’OOH NOOO co l’interisti,

che guarda un po’ stasera tu che jella,

sò propio loro a avelli fatti tristi.

***

E anche ‘st’artr’anno sai che nova bella

ciavranno da gufà noi romanisti,

la storia loro tanto è sempre quella.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

La Pentecoste

La Pentecoste

***

S’udì un rimbombo provenì dar Cèlo,

come spirà de vento tempestoso,

che s’abbatté ’ndó staveno a riposo,

l’Apostoli e Maria, dopo fu er gelo.

 ***

A un tratto un fatto ch’ha der portentoso:

lingue de fiamma su ’gni testa e er velo,

s’annarono a piazzà, grazzie a lo zelo

der Santo Dio e er Suo Spirito glorioso.

 ***

E da quer punto, frutto de quer Segno,

poi preserò a parlà lingue anniscoste,

da ’gni omo conosciute e da ’gni ingegno.

 ***

Parlaveno de Bibbia, senza soste,

der Signore Gesù e der Suo Regno,

ner giorno esatto de la Pentecoste.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

19 maggio 2018

A Giuditta

A Giuditta

***

Io ciò un’amica, ar secolo Giuditta,

che già dar nome è tutta un po’ speciale,

lei sempre, pure quanno je va male,

e v’assicuro nun cià strada dritta …

***

… sa sfoderà un soriso tanto, uguale,

che t’arigala, omaggio de la ditta,

immaggine che t’arimane scritta

p’er tempo in cui c’è un’ombra che t’assale.

***

Er nome, anche un po’ bibblico, a chi chiede

è pe omaggià li “Beatles” e la canzone

“Hey Jude” ch’er padre volle fà a l’erede.

***

Giuditta è una de quele perzone

che fa evidente a tutti, in chi la vede,

quer che cià dentro, senza mai finzione.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

La Roma in rima

18 maggio 2018

Come te metti?

Come te metti?

***

Ho resistito anche quarche giorno,

prima de fatte ‘sto gran ber quesito,

ce l’ho co te, lazzià, l’avrai capito,

come te metti che ce sta ‘sto scorno?

***

Tu che pe presidente ciài Lotito,

ma che hai tifato l’Inter cor ritorno

contro la Lazzio e je sei ito attorno

scanzannote e nun s’è mai arzato un dito …

***

… chi tiferai domenica? Che cori?

A chi dedicherai poi li striscioni?

Me immaggino pe te, sai che dolori …

***

… t’accorgerai tra er fumo de bomboni

e le majette tua a mille colori,

che affratellà Milano è da cojoni?

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Romanamente

17 maggio 2018

Er giovedì

Er giovedì

***

Er giovedì, qui a Roma, vor dì gnocchi,

co le patate o cor semolino,

er gusto, intanto, resta sopraffino,

pe panza, gola, naso, bocca e occhi.

 ***

È er giorno che da quanno ch’è matino,

ar mezzo de li dodici rintocchi,

a sera, a cena, a l’ora che t’abbiocchi,

der fine settimana lui è er postino.

 ***

’Na vorta a l’anno se traveste in “grasso”,

quanno che poi, se sa, ’gni scherzo vale,

e un due de picche un giorno pò fà l’asso.

 ***

Prima de Pasqua è “Santo”, e menomale,

ma a chi je piace più er profilo basso,

l’apprezza mejo quanno ch’è normale…

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

16 maggio 2018

Un novembre mascherato

Un novembre mascherato

***

‘Sto maggio è più novembre immascherato,

ar punto che te viè com’er sospetto,

ch’è tempo de addobbà ‘gni angoletto

che sembra che Natale sia tornato.

***

Ciclone islannese co l’effetto

de autunnà de novo già ‘gni prato,

che s’era appena appena già ‘nfiorato,

ner tinteggià der verde più perfetto.

***

E invece mó aritorna a fà la brina,

co l’arberi d’attorno a fà l’inverno

quanno che abbuja pure de matina.

***

Le foje verdi fanno un giallo esterno,

ma vòi vedé ch’è tutto se arlecchina

p’er verde oro der novo Governo?

***

Stefano Agostino

____________________________

***