Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

25 febbraio 2018

Dar Vangelo der giorno: “la Trasfigurazzione

Dar Vangelo der giorno: “la Trasfigurazzione”

***

Gesù, co Pietro, Giacomo e Giovanni,

salì sur monte Tabor, quanno a un tratto,

er vórto Suo, come da luce ratto,

s’accese inzieme a l’abbiti e a li panni.

***

E a quer punto, in quer momento esatto,

apparzero Mosè e Elia, du’ granni,

pe chiacchierà co Lui, un tempo senz’anni,

’na nube l’attorniò e detto, fatto …

 ***

… da lei sortì ’na voce, e era de Dio,

che disse: “In Lui, Io me so’ compiaciuto,

dateje ascorto, ché questi è er Mi’ Fìo”.

***

Tutto scomparve eppoi, un attimo muto,

Gesù fece: “Finché ce sto qui Io,

nun riccontate de quant’è accaduto”.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

24 febbraio 2018

L’esperto

L’esperto

***

Appena che succede ‘na traggedia, 

c’è sempre da rivorgese a un esperto,

er competente, più sicuro e certo,

che ne sa più de tutta wiki-pedia.

***

Lui è perito, armeno quanno ha scerto

quer posto in cui sa eccelle pe la sedia,

ma nun perisce, come da commedia,

si predica più o meno ner deserto.

***

Lui si che conosceva quer probbrema,

che tu sapevi a stento che esistesse,

e er modo d’evitallo e cià ‘no schema.

***

Però me chiedo come mai pò èsse

che sorte fòri sempre e solo, a tema,

dopo che le traggedie sò successe.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

23 febbraio 2018

Er ventitré

23

Er ventitré

 ***

Er ventitré a Roma, è arci-noto,

er è nummero che vole dì … fortuna.

‘Na frase a tre parole è più opportuna,

ma ce vorebbe forse più ‘na foto.

 ***

Er punto in cui ‘gni natica s’aduna,

ar centro de l’avvallo, lì c’è un vòto,

che in tutto er corpo è er lato ben più ignoto,

che sa un po’ d’artra faccia de la Luna.

 ***

Quer punto a vorte viè già fatto oggetto,

a indicà chi sgobba come un mulo,

e quanto pesa spigne quer caretto.

 ***

Ma in questo caso è più merce d’adulo,

sta sempre in fonno a l’intestino retto,

ma è un artro tipo de bucio de culo!

 ***

Stefano Agostino

_____________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2017-18

21 febbraio 2018

Shakhtar D. – Roma

Shakhtar D. – Roma: 2-1

***

Sconfitta pe due a uno, dice tutto,

ma lassa cor discorzo ancora aperto,

un go’ in trasferta è bono, questo è certo,

ma intanto t’eri messo già a l’asciutto …

***

… cor go’ de Under, ch’è un ber talento scerto,

poi ner seconno tempo ariva er brutto,

du’ go’ de questi che ciànno distrutto

quer che fin a quer punto era un concerto.

***

Nun è finita qua, ce sta er ritorno,

de certo è compricato, ma se prova

a ribbartà er punteggio e faje storno.

***

E in de ‘st’attesa pe ‘sta cosa nova

e de la gara a Roma pe quer giorno,

che ‘gnuno lì dia er mejo che se trova.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Romanamente

La memoria der pesciolino rosso

La memoria der pesciolino rosso

***

Se dice ce sia er pesciolino rosso

co ‘na memoria, la più corta ar monno,

cancella tutto come un gran ber sonno,

quer ch’è successo e che j’è ito addosso.

***

Ar massimo aricorda, e manco a fonno,

ciò ch’è accaduto, de piccolo e grosso,

indentro a quer suo acquario, carmo o mosso,

ne l’urtime frazzioni de seconno.

***

Ma se pò dì che la stessa memoria

ce l’hanno in tanti de italiani adesso,

se sò scordati de la nostra storia.

***

Sò pronti a ridà er voto pari e istesso

a chi ha arubbato tutto e a daje gloria,

invece de buttallo in fonno ar cesso.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

20 febbraio 2018

Er Disegno

Er Disegno

***

Quanno che incontri Dio sur tuo cammino,

li sceje Lui li tempi e li momenti,

dar giorno esatto che lo sperimenti,

t’accorgi de che senzo dà er divino.

***

La vita da che era accadimenti

in serie, ma a seconna der matino,

diventa lo sviluppo de un “Destino”,

che cià precisi e chiari intennimenti.

***

Er frutto der Disegno che ha penzato

er Padre modellato su de noi,

ner giorno senza tempo in cui ha creato.

***

Sta a te de certo tratteggiallo poi,

libbero de contà su Fede o Fato,

pe colorà er Disegno come vòi.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

19 febbraio 2018

Campagna eletto-male

Campagna eletto-male

***

Ancora tanti giorni de campagna,

intenno certo quella elettorale,

che se sta a fà, ma tanto qui è normale,

sortanto su l’artrui zeppa o magagna.

***

Se sa addità a chi fa er peggio male,

ner carderone poi der magna-magna,

la gara è a chi se pappa la cuccagna

der voto a maggioranza nazzionale.

***

E quer che più dispiace p’er Paese,

e che decideranno er suo futuro,

pe fàcce poi pagà a tutti le spese …

***

… quelli che fanno sì zoccolo duro,

che sò indecisi a poco più de un mese

su chi votà … er più stronzo de sicuro!

***::

Stefano Agostino

_________________________

***