Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

25 maggio 2018

Cicala e formica … oggi

cicala e formica ... oggi

Cicala e formica … oggi

***

Le favole che sò de data antica,

vanno arilette ar passo co li tempi,

così che, ar giorno d’oggi e co ‘st’esempi,

le storie nun sò più le stesse mica.

***

Ché co ‘sti granni scannali e ‘sti scempi,

presempio, la cicala e la formica

rivista oggi, Dio ce benedica,

ciavrebbe ‘sti finali ben più empi.

***

Co la formica a spigne da cojona

tutta l’estate, quanno la compagna

intanto se la canta e se la sona.

******

Ma, ar tempo de l’inverno, la cuccagna

che ha accumulato cambia de padrona,  

 ché ariva la cicala e se la magna!

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani

24 maggio 2018

Daje Italia

Daje Italia

***

In bocca ar lupo sor Giuseppe Conte,

da oggi Presidente der Conzijo,

ch’ha da cercà , ma senza nascondijo,

de Governà l’Italia e de fà fronte …

***

… a le necessità co un ber cipijo,

de chi cià già le idee chiare e ben pronte,

de chi li vò affrontà e no fà da ponte

li guai de sto Paese ch’è sur cijo …

***

de un burone, ma che pò sarvasse

co bona volontà e co competenza

e anzi, pò fà mejo, sollevasse.

***

In bocca ar lupo e che nun sia dispenza

da quer “contratto”  che de tutto è l’asse

da rispettà in de ‘gni sua scadenza.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

23 maggio 2018

A ‘gni giorno la sua pena

A ‘gni giorno la sua pena

***

’Gni giorno già j’abbasta la sua pena,

pe questo che conviè guardà ar presente,

co un occhio in là ar futuro, certamente,

ma no pe appesantì de più la schiena.

***

Ché già me pare arquanto coinvorgente

 combatte qua p’er pranzo e pe la cena,

pe stà a penzà, e spesso ce ’ncatena,

a quer che poi verà er giorno seguente.

***

Nun dico da nun costruì un futuro,

ce mancherebbe, anzi, è p’er motivo

de affrontallo mejo e più sicuro.

***

Si oggi ho poi svortato in positivo,

quer che ieri pareva tanto oscuro,

farò così domani e finché vivo.

***

Stefano Agostino

_________________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

22 maggio 2018

Conte e contratto

Conte e contratto

***

Ancora manco è nato ‘sto Governo,

Di Maio co Sarvini e er premier Conte,

che già se sò schierate come ar fronte

bocche de foco pronte a fà l’inferno.

***

Già intravvedendo certo un orizzonte,

sia dentro der Paese che a l’esterno,

de povertà e sciagure in triste arterno,

de ‘gni tipo de guai, la vera fonte.

***

Nessuno se curasse de quer fatto,

pe ‘sti balordi certo indiferente,

che Lega e 5stelle e ‘sto contratto …

***

… artro nun sò che quello che la gente,

er popolo ha voluto … e er dado è tratto,

democrazzia se chiama,  … pe voi gnente! 

***

Stefano Agostino

_______________________

***

La Roma in rima,Stagione 2017-18

20 maggio 2018

Sassuolo – Roma

Sassuolo – Roma: 0-1

***

La Roma vince e batte er Sassuolo

co go’ de Manolas e chiude terza,

pe me ‘sta rima oggi manco sterza

anzi se ‘nchioda qua a ‘sto verzo solo.

***

Perché quer che nun va certo disperza

è un’artra rima su chi tifa a nolo,

quelli che tutto l’anno fanno er volo

pe sta a tifà la squadra a Roma avverza.

***

Quelli de quell’OOH NOOO co l’interisti,

che guarda un po’ stasera tu che jella,

sò propio loro a avelli fatti tristi.

***

E anche ‘st’artr’anno sai che nova bella

ciavranno da gufà noi romanisti,

la storia loro tanto è sempre quella.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

La Pentecoste

La Pentecoste

***

S’udì un rimbombo provenì dar Cèlo,

come spirà de vento tempestoso,

che s’abbatté ’ndó staveno a riposo,

l’Apostoli e Maria, dopo fu er gelo.

 ***

A un tratto un fatto ch’ha der portentoso:

lingue de fiamma su ’gni testa e er velo,

s’annarono a piazzà, grazzie a lo zelo

der Santo Dio e er Suo Spirito glorioso.

 ***

E da quer punto, frutto de quer Segno,

poi preserò a parlà lingue anniscoste,

da ’gni omo conosciute e da ’gni ingegno.

 ***

Parlaveno de Bibbia, senza soste,

der Signore Gesù e der Suo Regno,

ner giorno esatto de la Pentecoste.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

19 maggio 2018

A Giuditta

A Giuditta

***

Io ciò un’amica, ar secolo Giuditta,

che già dar nome è tutta un po’ speciale,

lei sempre, pure quanno je va male,

e v’assicuro nun cià strada dritta …

***

… sa sfoderà un soriso tanto, uguale,

che t’arigala, omaggio de la ditta,

immaggine che t’arimane scritta

p’er tempo in cui c’è un’ombra che t’assale.

***

Er nome, anche un po’ bibblico, a chi chiede

è pe omaggià li “Beatles” e la canzone

“Hey Jude” ch’er padre volle fà a l’erede.

***

Giuditta è una de quele perzone

che fa evidente a tutti, in chi la vede,

quer che cià dentro, senza mai finzione.

***

Stefano Agostino

___________________________

***