Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

28 marzo 2017

Er pessimista cosmico

Er pessimista cosmico

***

De un pessimismo che nun cià confronto,

stai fisso ar due novembre e nun te smove

felicità, eppur ce n’hai le prove,

‘gni giorno da che arbeggia a annà ar tramonto.

***

Ché pure quann’è bello dici: “piove”,

co un’aria sconzolata ch’è ‘no smonto

de ‘gni soriso e ilarità co sconto

che ciò perzino la prova der nove.

***

Quanno te ‘ncontro, sempre rabbuiato,

te chiedo: “Come va?” – Me dici: “Bene” -

“Si stavi male, t’eri già ammazzato?” -

***

E m’arisponni: “Si sto bene adesso,

me pò annà solo peggio” e a palle piene

penzo che più te incontro e più me stresso.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

27 marzo 2017

A Emanuele

A Emanuele

***

Stava a difenne solo la regazza,

pe ‘sto motivo l’hanno massacrato

niscosti dentro ar branco, anonimato,

de infamità che ‘gni vergogna spazza.

***

Pistato in gruppo è morto trucidato,

vent’anni quanno è vita ancora in tazza

tutta da beve e gnente che l’ammazza,

sinnò quarche bastardo patentato.

***

Ma adesso pure che vòi fa’ giustizzia,

ma che giustizzia fai … nun c’è rapporto

tra ammazzà un amore quanno inizzia …

***

‘na vita d’un regazzo che mó è morto,

e ‘na galera che sai già … è notizzia,

dura du’ mesi eppoi er reato è torto.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

26 marzo 2017

Dar Vangelo der giorno: “la guariggione der cèco nato”

Dar Vangelo der giorno:

“la guariggione der cèco nato”

***

Gesù vide, passanno, un pòro cèco,

un cèco da la nascita qual era,

allora Lui sputò dritto pe tera,

 pe fà der fango, da portallo seco, …

***

… sparmajelo su l’occhi come cera,

“Vatte a lavà” – je disse: -”a Sìloe” (in greco,

vor dì “inviato”) e er fatto fece eco,

(ch’er cèco vide), tra la folla intera.

***

Quest’urtimo parlò co li Giudei,

più vorte e disse che mó ce vedeva,

ma, cèchi loro, come farisei …

***

… nun je credettero a quer che diceva.

Poi arincontrò Gesù: “Io so chi sei”

je se prostrò, er ginocchio fece leva. 

***

Stefano Agostino

________________________________

I sonetti romani,Romanamente

25 marzo 2017

Ora legale

Ora legale

***

Te spiego che vor dì l’ora legale:

’gni anno ariva er tempo e tocca fàllo,

e nun se sa perché, arimane un giallo,

quann’aritorna, tutti l’anni è uguale.

 ***

Ché ’gni orologgio c’è d’arispostallo

un’ora avanti, pure che va male,

ma s’ha da fà così, dice, è ufficiale,

quanno s’allunga er giorno e fa più càllo.

 ***

A l’urtima domenica de marzo,

se sposta tutt’er tempo un’ora avanti,

da la sveja, ar cuccù, inzino ar quarzo.

 ***

È un’ora, ma cià effetti devastanti,

ché quann’è lunedì, prima che m’arzo,

me so’ arivorto già a un paro de santi.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

PER IL VIDEO-SONETTO VAI QUI: Ora legale

***

******

I sonetti romani,Schegge di vita

24 marzo 2017

Ciao Monnezza

Ciao Monnezza

***

E anche Tomas Milian ha salutato

‘sto monno ch’è aridotto a ‘na monnezza,

no er soprannome suo, ma ‘na schifezza

in cui nun c’è rispetto p’er creato.

***

Va via “Nico Giraldi”, che amarezza

pe ‘gni soriso che cià arigalato,

cubano, ma dar còre trapiantato

romano lui, no la granne bellezza.

***

Che ormai ciaveva troppa nostargia

d’annà a ridà du’ schiaffi a Venticello

o Bombolo … tz’, tz’ … mortaccimia.

***

Du’ schiaffi in Paradiso, e questo è er bello

sò abbracci stretti de pura alegria,

ciao Tomas, grazzie e l’occhio a piantarello.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

23 marzo 2017

Attacco a Londra

Attacco a Londra

***

Londra, come Bruxelles, come Parigi,

attacchi ar centro esatto de l’Europa

le tristi ricorenze fanno scopa

più o meno ovunque tra Senna e Tamigi.

***

Pe riparlà de Isis e chi lo dopa,

de terorismo e che momenti grigi,

de sicurezza da Palazzo Chigi,

tanto più attento a controllà ‘gni OPA.

***

Nessuno seriamente intenzionato

a debbellà er cancro der terore,

che a chiacchiere già è stato liquidato.

***

Come si mai potesse un Dio Signore

volé la morte de l’omo creato,

pe quer bisogno immenzo Suo d’Amore.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

22 marzo 2017

T’ho da parlà

T’ho da parlà

***

Si c’è ‘na frase che nun se sopporta,

spèce quanno che viè dar principale,

cioè er capoccia o un quarche caporale,

“T’ho da parlà, no mó, ma un’artra vorta”.

***

“T’ho da parlà” e già me prenne male,

ma dimmelo, che ciài memoria corta?,

ché me fai venì l’anzia, che te ‘mporta,

a te che magni, bevi e dormi uguale.

***

Si ciò da dì ‘na cosa a quarcheduno,

e nun lo posso fà in quer frangente,

aspetto già er momento più opportuno.

***

Pe dijela ne l’attimo presente,

no fàllo arovellà come nessuno,

spèce si poi da dì nun ciò un ber gnente.

***

Stefano Agostino

____________________________

***