Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

15 dicembre 2017

Cinquantesimo de Luigi e Brunella

Cinquantesimo de Luigi e Brunella

***

Metà dicembre der sessantasette,

co oggi fanno esatti cinquant’anni,

‘sti dieci lustri, tanti capodanni

a ‘sta metà dicembre diciassette.

***

Quanta la vita scorza, gioie e addanni,

che nun se sa da ‘ndó partì pe mette

un ordine che certo du’ strofette

nun riescheno a rimà ricordi e panni.

***

Ché poi nun c’è memoria più che loro

che possa dì Luigi co Brunella

più mejo de un amore a cui fà er coro.

***

A noi nun resta che fà capoccella

ner giorno esatto de le nozze d’oro

pe applaudì ‘st’unione così bella.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

14 dicembre 2017

Dieci giorni ar Natale

Dieci giorni ar Natale

***

Ce semo, ormai! Sortanto dieci giorni

e finarmente, poi, sarà Natale,

‘gni anno ch’è diverzo e gni anno uguale,

ner ciclo de staggioni e de ritorni.

***

In giro è un friccicore generale,

de addobbi e de lustrini pe contorni,

ché pure er cèlo, invaso da li storni,

pare arifrette luce siderale.

***

Gente che córe intenta a fà regali,

infiocchettati in nastri sluccicanti,

in cerca de sorprese origginali.

***

Ce se prepara tutti a inviti e canti,

e a le magnate, quelle colossali,

che pare che nun magni da ‘Gnissanti.

***

Ma ce se scorda già de chi cià uguali

li giorni messi in fila tutti quanti,

senza né compreanni né Natali.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

13 dicembre 2017

13 dicembre: Santa Lucia

13 dicembre: Santa Lucia

***

Oggi è la data de Santa Lucia,

famosa dar principio de l’inizzio,

p’er credo popolare più de sfizzio,

der giorno ch’è er più corto che ce sia.

 ***

Ma er detto, più de popolo, è un indizzio,

misto de verità e de fantasia:

giorno più corto de la compagnia,

se sa, ch’è invece quello der sorstizzio.

 ***

Santa Lucia, però, già anticamente,

veniva ricordata er dì ventuno,

ch’era er giorno più breve veramente.

 ***

Ma er tredici dicembre, sarvognuno,

annà a vedé er tramonto solamente:

“più corto” de così nun ce n’è uno.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

12 dicembre 2017

12 dicembre: la Madonna de Guadalupe

12 dicembre: la Madonna de Guadalupe

***

Er dodici dicembre è propio quello,

er giorno esatto de l’Apparizzione

de la Madonna a un indio e la reggione

è Guadalupe, in Messico, un ostello.

***

Lei volle un santuario in costruzzione,

che ottenne solo quanno, ar terzo appello,

 impresse a l’indio, ar candido mantello,

l’immaggine de Lei in orazzione.

***

Vedenno lì quer manto sì pittato

er vescovo credette a tutto er fatto

de l’indio a cui Maria avea parlato.

***

A cinquecento anni da quer patto

ner Tempio a Lei, ch’è santo e venerato,

er segno su quer manto è ancora intatto.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

11 dicembre 2017

Ciao Lando

Ciao Lando

***

Co te va via su in Cèlo un po’ de Roma,

nun è ‘na frase fatta, è tutto vero,

perché tu l’hai cantata pe davero

e guasi sempre giusto in de ‘st’idioma.

***

Amavi ‘sta città in modo sincero,

da fìo pe cui tu ciài certo er diproma

d’annà a mostrà a chiunque e un cromosoma

ch’è giallo e rosso com’er còre intero.

***

Si Roma è pure musica e canzoni

è anche grazzie a te che l’hai omaggiata

ner rintoccà campane e dà emozzioni

***

La Roma tutta che tu hai sempre amata

che oggi piagne grossi lacrimoni,

ner mentre te saluta abbraccicata. 

***

Stefano Agostino

___________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2017-18

10 dicembre 2017

Chievo – Roma

Chievo – Roma: 0-0

***

Pareggio a reti bianche, dice tutto.

Un senzo come d’occazione perza,

pe ingranà prima, seconna e terza,

a accorcià distanze soprattutto.

***

E invece poi ‘sta gara te va avverza,

nun riesci mai a segnà pur co costrutto,

pe quanto tiri in porta e questo è er brutto

nun c’è ‘na sorte che nun sia diverza.

***

Nun c’è da stà a penzà però a ‘sto passo

più der successo e più de quer dovuto,

ch’er Chievo in casa nun è mai ‘no spasso.

***

C’è da lottà semmai e da chiede aiuto

a un vento che nun sia più così basso

ma ce sospinga avanti sur velluto.

 ***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “voce che grida ner deserto”

Dar Vangelo der giorno:

“voce che grida ner deserto”

***

Così che fu mannato un messaggero,

a preparà la strada p’er Signore,

che stava pe venì, pe Grazzia e Amore,

e pe diffonne ar monno er Credo Vero.

 ***

Battista battezzava a tutte l’ore,

ner predicà er perdono più sincero,

e stava in der deserto er giorno intero,

magnannose locuste e quarche fiore.

 ***

Vestito co li peli der cammello,

“Dopo de me” – diceva – “ne viè Uno

più granne ar punto che de fronte a Quello, …

 ***

… io nun so’ degno de chinamme a Tanto,

io ve battezzo in acqua e so’ un nessuno,

Lui ve battezzerà in Spirito Santo”.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***