Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

22 luglio 2018

Dar Vangelo der giorno: “Gesù ha compassione der gregge”

Dar Vangelo der giorno:

“Gesù ha compassione der gregge”

***

 Gesù mannò l’apostoli e ar ritorno

questi j’ariccontareno li fatti,

quer ch’era stato annà giranno a tratti,

come je chiese propio Lui un ber giorno.

***

“Mó ariposate” – disse – “in posti e anfratti

un po’ in disparte e che stanno qui attorno,

soli soletti, senza gente intorno,

tranquilli, carmi, docili e compatti”.

***

Pìarono la barca p’annà artrove,

ma che l’ha visti e presto l’ha sgamati,

je corze appresso: ‘ndov’annate, ‘ndove?

***

Gesù, vedenno in quanti, come schegge,

li staveno a seguì guasi incantati,

ne ebbe compassione de quer gregge.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

21 luglio 2018

Ma è staggione ?!?

Ma è staggione ?!?

***

Fa callo che se coce – “Ma è staggione”

senti arisponne da chi poi de inverno

nun fa che lamentasse in sempiterno

der freddo che lo manna in depressione.

***

Un tempo l’areggevo er callo esterno,

l’estate, er mare, er sole, l’ombrellone,

vabbè ero un pischello è la raggione,

ma certo nun ce stava mai ‘st’inferno.

***

Co ‘st’afa che t’opprime er cèlo giallo,

che te respiri l’acqua più che l’aria,

pòi arifiatà solo ar canto der gallo.

***

“È er tempo suo” – ho capito, ma nun varia,

che a ‘sto callo nun ce faccio er callo,

scusate la “freddura” necessaria.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

20 luglio 2018

Nove anni de “Roma in rima”

Nove anni de “Roma in rima”

***

Ce semo: qui se tocca ‘sto traguardo,

nun sarà mica come annà su Giove,

ma “Roma in rima” che fa anni nove,

bè, nun me pare poco … e si ariguardo …

***

… indietro a quer ch’è stato, quante prove

ner piccolo der sito in cui me bardo,

ch’ho fatto pe nun èsse mai in ritardo

ner pubbricà, cor sole o quanno piove.

***

‘Gni giorno pe ariempillo co un sonetto

che possa ariccontà un po’ der mio

mettennolo immischiato a un verzetto.

***

Auguri ROMA IN RIMA, ch’è un po’ un fìo

cui ar 20 lujo, giorno benedetto,

de nove anni fa, j’ho dato avvio.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

Diamo un po’ di numeri di questi nove anni insieme

***

2983 articoli pubblicati 

18213 commenti

1.178.300 pagine visitate

595.600 visitatori

***

Grazie di cuore a tutti voi

***

I sonetti romani,Romanamente

19 luglio 2018

Ar semaforo

Ar semaforo

***

È giallo … arivo e scatta er rosso adesso,

inchiodo, stop, so’ er primo de la fila,

de dietro a me è uguale la trafila,

l’artri automobbilisti a fà lo stesso.

***

Ma ecco accanto uno me se ‘nfila,

ché c’era un buco e questo ce s’è messo,

me supera … frattanto un artro ossesso

da ‘st’artro lato passa e viè a tremila.

***

Stavo davanti e ora m’aritrovo

che m’hanno superato tutti quanti,

so’ circondato, ormai, manco me movo.

***

Ma è giallo ancora … e er tempo che sto a perde,

pe aritrovamme fermo ché davanti,

 nessuno ha visto quanno ch’era verde!

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

18 luglio 2018

Er lavativo

Er lavativo

 ***

Er lunedì nun vado, sto in permesso,

er martedì, riunione sindacale,

mercoledì, congedo parentale,

er giovedì nun posso, ché me stresso.

 ***

Er venerdì ciandrebbe, ma fa male,

annacce un giorno solo - e che so’ fesso? -

così che allungo – e me sarà concesso -

li giorni der “weekend” settimanale.

*** 

E dopo un anno lungo de lavoro,

me pìo le ferie tutta la staggione,

si nun sto in malatia, che guasi moro.

 **

Mó esco, vado in pausa colazzione,

torno pe pranzo e dopo me ristoro,

pensanno a quanno annerò in penzione!

*** 

Stefano Agostino

__________________________ 

***

I sonetti romani,Romanamente

17 luglio 2018

‘Na pentolaccia piena de facioli

’Na pentolaccia piena de facioli

***

Stai sempre a lamentatte pe ’gni cosa,

’na pentolaccia piena de facioli,

te fai venì così li fantioli,

nun c’è ‘na cosa che tu vedi rosa.

***

Te vai a cercà da te li cetrioli

che cascheno in saccoccia a secchi e a iosa,

più a te che a l’ortolano de famosa

battuta popolare de ’sti sòli.

***

Nun te sta bene gnente de ’sto monno

ciài da ridì su tutto dar matino,

quanno te sveji, a sera avanti er sonno.

***

E nun ce penzi a chi te sta vicino

che mentre tu protesti a ’gni seconno

cià già du’ palle a sfere da indovino.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

La Roma in rima

15 luglio 2018

Fine der mondiale

Fine der mondiale

***

Così er mondiale se n’è ito in Francia,

da quer Macron, ch’è mister simpatia,

da li franzosi, tutti in alegria,

che già er penziero me dà er mar de pancia.

***

Ma d’artra parte, senza ipocrisia,

e senza che se scomodi ‘gni guancia,

che ner soriso mica se sbilancia,

se lo sò meritati su la via.

***

La via ch’ha visto uscì tutte le granni,

ner mentre ‘sti galletti tranzarpini

sò iti avanti senza intoppi e inganni.

***

L’Italia, intanto, pe evità casini,

s’è riposata a lavà li panni,

inzaccherati da troppi quatrini ?!?

 ***

Stefano Agostino

***