Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

24 agosto 2016

Aiutà Amatrice

Aiutà Amatrice

***

Quela città d’aringrazzià ner monno

pe pasta e sugo noti d’Amatrice,

un piatto a cui nun pò sussiste un vice,

l’èsse svejata, quann’è in pieno sonno, …

***

… ar massimo potrebbe fà a ‘st’attrice

un vento a accarezzalla ner profonno,

no quer disastro, peggio finimonno,

de un teremoto che, fino in radice, …

***

… come quello potente de stanotte

l’ha rasa ar sòlo, senza lassà eredi,

tra puzzo de macerie e d’ossa rotte.

***

Ma senza ce lo implori o che lo chiedi

mó va aiutata, a coste de fà a botte

e co li sforzi va arimessa in piedi.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2016/17

23 agosto 2016

Roma – Porto p.C.L.

Roma – Porto: 0-3

***

È ‘na serata in cui tutto va storto,

er risurtato, arcune scerte, er gioco,

che se n’è visto qui davero poco,

così che Roma lassa e passa er Porto.

***

Davanti l’attaccanti senza er foco

de dietro c’è chi pare in artro assorto,

a centrocampo c’è un giusto apporto,

ma certo che nun basta in de ‘sto loco.

***

Nun se gestisce er minimo vantaggio

ch’avevi conquistato tu a l’annata

se va subbito sotto e poi er pedaggio …

***

… ch’hai da pagà co la murta salata

de du’ espurzioni e se fa un miraggio

giocà la Champions che stasera è annata.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Romanamente

Er riposo der gueriero

Er riposo der gueriero

***

Riposo der gueriero de forchetta,

che fino a poco fa come magnava,

manco ’na tigre a l’isola de Giava,

fin’a lustrasse er piatto de scarpetta.

 ***

È steso lì, dar trono che occupava,

’sto Re de “Cacioepepe” e de “Porchetta”,

che dopo la magnata prediletta,

s’accascia e se sletarga a fà la bava.

 ***

Stennese a letto, ch’hai finito er piatto,

a guardà bene, nun è mica strano,

nun è ’sto magnaccione a èsse un matto.

 ***

È er campà d’oggi che nun è più sano,

ce porta sempre a córe, quest’è er fatto,

chi riesce a appennicasse è già un marziano.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

22 agosto 2016

L’assonanza

L’assonanza

***

Vojo parlavve un po’ de l’assonanza,

ce va vicino, ma nun è ‘na rima,

faccio un esempio, è mejo e se fa prima,

in modo da chiarì ‘sta conzonanza.

***

Si devo rimà in “ima” e scrivo “ina”,

cambianno quinni un po’ la desinenza,

(come ch’ho fatto adesso a l’occorenza),

è solo er sòno che ce s’avvicina.

***

Er metro dunque co cui fà ‘na stima,

de chi è poeta e chi cià ‘na sembianza,

ma strigni strigni nun è ‘na gran cima …

***

… è annà a vedé l’enorme diferenza

tra come se ‘nquartina e se ‘nterzina,

si c’è ‘na rima o solo un’apparenza.

***

 Stefano Agostino

__________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

21 agosto 2016

Dar Vangelo der giorno – la porta stretta

Dar Vangelo der giorno: “la porta stretta”

***

“Sforzateve d’entrà a la porta stretta”,

così Gesù je disse lì a quer tale

che chiese der giudizzio univerzale,

de chi se sarva e quello che j’aspetta.

***

“In tanti prenneranno l’artro viale,

poca sarà la gente benedetta,

chi resterà de fòri, damme retta,

sarà chi stanno qua ha operato er male.

***

De questi arcuni busseranno allora,

rivennicanno quarche conoscenza,

- Nun ve conosco – Dio je dirà ancora.

***

Chi avrà vissuto amanno sarà degno

d’entrà ar banchetto e no pe fà presenza,

ma parte de la Gloria e der Suo Regno”.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2016/17

20 agosto 2016

Roma – Udinese

Roma – Udinese: 4-0

***

Comincia co ‘sto poker ‘sta staggione,

co du’ rigori, tutt’e due Perotti,

er terzo Dzeko e a l’avverzari cotti

je fa er quarto Salah su granne azzione.

***

Dopo de un primo tempo senza botti,

la Roma esce ne l’artra frazzione,

er gioco come un diesel a ignezzione,

carbura lento, ma poi scenne a flotti.

***

Bona la prima quinni e ‘sta partenza

fa mette er primo blocco o mattoncino,

pe costruì quer sogno a cui se penza.

***

È solo un primo passo, ch’er matino

è ancora lungo da venì, ma senza

‘sti passi nun se compie mai er cammino.

***

Stefano Agostino

***

Poesie romanesche

Trilussa – La sincerità

La sincerità

 ***

M’aricorderò sempre che mi’ nonno, / pe famme pijà sonno,

me diceva la favola de quello / ch’annava in cerca de sincerità.

Io, però, m’addormivo sur più bello

 che nimmanco arivavo a la metà.

Tutta quanta la favola nun era / che la storia de Gnocco:

un pastorello  / ch’uscì de notte per annà ar Castello /

 de la gente sincera;  ma arivato a lo svorto d’una strada / 

incontrava ‘na povera vecchietta / che je diceva: “Abbada,

 tiè sempre d’occhio quer lumino verde

che riluce, sbrilluccica e se perde

co la stella der cèlo più vicina… / e cammina, cammina…

Però, si nun sei pratico, / passi un momento critico,

cor Cignale politico / e er Gatto dipromatico.

Nun te fidà dell’Omo / ch’accomoda l’idea,

seconno la livrea /che porta er maggiordomo.

E abbada all’Orco Rosso /che fa er vocione grosso:

abbada all’Orco Nero / perché nun è sincero;

abbada all’Orco Bianco /perché nun è mai franco.

Per cui, pe èsse certo, / de chi te s’avvicina,  

tiè sempre un occhio aperto / e cammina, cammina …

E Gnocco camminava, Dio sa quanto, 

tutta la notte fino a la matina, / fra l’Orchi e fra le Streghe:

ogni momento / trovava un tradimento…

Com’annava a finì? Già ve l’ho detto:  

prima ch’er pastorello / arivasse ar Castello,

m’addormivo, finché mi’ nonno me metteva a letto.

Purtroppo, puro adesso, / si vado in cerca de sincerità

me succede lo stesso: / e come ne la favola de nonno,

pur’io vedo un lumino, / lontano, in fonno in fonno…

E cammino, cammino, / finché casco dar sonno.

***

Trilussa

___________________

***