Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

29 giugno 2017

Li Santi Patroni

Li Santi Patroni

***

San Pietro in fonno a l’Appia, fòri porta,

stava a scappà quer giorno da li guai,

quanno incontrò Gesù: “Signo’, ’ndò vai?”

“A famme crocifigge un’artra vorta”.

 ***

Allora Pietro disse: “Nun sia mai:

’sta capa mia, da la memoria corta,

che me sia messa in croce, capovorta,

ma Tu Signore no, resti ’ndò stai”.

 ***

San Paolo fu, poi, decapitato,

lì ar Santuario de le Tre Fontane,

ch’er capo a ’gni rimbarzo ha zampillato.

 ***

Guasi a scusasse pe ’st’esecuzzioni,

de tutt’e due a Roma j’arimane

d’aricordalli mó Santi Patroni.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

A tavola,I sonetti romani

28 giugno 2017

Er Cocommeraro

cocomero

Er Cocommeraro

***

D’estate, quann’è afoso e se fa sera,

si esci in cerca de un fresco riparo,

fionnete dritto dar cocommeraro,

fàtte ‘na fetta, ch’è ‘na bombognera.

***

Nun riesce mejo manco er gelataro,

succosa, forte e morbida chimera,

è come un sogno e quanno che s’avvera,

te lascia un senzo dorce e un artro amaro.

***

Quer rosa vivo che s’è fatto porpa,

pe datte gusto, fra li sopraffini,

magnalo tutto e nun sentitte in corpa.

***

Ché come fanno poi li regazzini,

pò èsse sempre bono, pe discorpa,

dì che fai collezzione de semini.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

27 giugno 2017

Nun semo un supermercato

Nun semo un supermercato

***

Ciài detto, come manco eri arivato,

la conferenza stampa a la reggia

de primo acchitto, a accenne fantasia,

“La Roma mica è un supermercato”.

***

Vabbè sarà così, … poi manni via

Salah, pe quanto certo ben pagato,

poi Manolas, Paredes … e in predicato

c’è pure Mario Rui in compagnia.

***

Nun è un supermercato, bè … d’accordo,

ma dicce tu cos’è, perché pe adesso

ce pare che de questo ciabbia er bordo.

***

E già se teme quer che viè poi appresso,

ce sò vociacce a cui c’è da sta sordo,

sinnò più che supermercato è un cesso.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Romanamente

26 giugno 2017

Oro trasparente

Oro trasparente

***

Me renno conto d’èsse ‘no sprecone

de acqua, tranne solo ar tavolino,

lì stanno a troneggià la bira e er vino,

pe tutto er resto l’uso a profusione.

***

Sott’a la doccia ce resto un casino,

li denti, faccio tipo er Fontanone,

m’attacco sempre si vedo un nasone

e l’acqua m’accompagna ner cammino.

***

Ma er rischio siccità me fa arifrette,

quant’è prezzioso er bene trasparente,

l’ha da capì chi se la pò permette.

***

Perciò da oggi l’acqua mia corente,

me la razziono io “sette su sette”,

nemmanco un goccio ho da sprecà pe gnente.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

25 giugno 2017

Dar Vangelo der giorno: nun abbiate paura

Dar Vangelo der giorno: “nun abbiate paura”

***

In quer tempo, Gesù je disse chiaro:

“Voantri nun dovete avé paura,

ché gnente resterà in ombra scura,

nun c’è segreto che ciavrà riparo.

***

Dovete da temé chi pe natura

vò uccide e daje l’anima a quer baro

che sta a l’inferno e che aspetta er varo,

pe traghettà dannata l’avventura.

***

Er Padre vostro sa quanti capelli

ciavete in testa, sò tutti contati,

penzate un po’ … che tiè perzino a quelli.

***

Chi riconoscerà li connotati

che sò li Mia, davanti a li fratelli,

lo riconoscerà tra li Beati.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

Clip art

24 giugno 2017

Il videosonetto del sabato: L’arzura

***

***

I sonetti romani,Romanamente

23 giugno 2017

Cene de compreanno

Cene de compreanno

***

T’ho già da fà un presente ar compreanno,

vabbè, me pare giusto, nun discuto,

aspetta un po’ e stamme a sentì un minuto,

quer che contesto qui è er come fanno …

***

… quelli che ortre ar dono ricevuto,

ce sommeno la beffa e pure er danno

de organizzà ‘na cena, tanto sanno,

che ciài da annacce a spese tue, dovuto.

***

Così che se raddoppia costo e impegno

e pure che te sembra tirchieria

‘gni compreanno te ce vò un assegno.

***

Vabbè che annamo tutti in pizzeria,

pe festeggiatte mejo e in modo degno,

ma offri te la pizza e allora sia.

***

Stefano Agostino

___________________________

***