Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

La Roma in rima

21 giugno 2018

Ciao Radja

Ciao Radja

***

Si è vero che ner carcio più moderno

nun c’è più spazzio pe fà le bandiere,

Totti e De Rossi, urtime frontiere,

er resto nun s’appunta ner quaderno …

***

… pe Radja Nainggolan nun sò più vere

frasi così, lui qui stava in eterno,

intenno co ‘sta maja estate-inverno,

lui ch’è cacciato a carci ner sedere.

***

Pe poi arigalallo a chi? A Spalletti?

Du’ spiccioli er prezzo concordato,

pe ‘na cessione che, come la metti, …

***

… me pare già un erore conclamato,

ce penzerà er campo a dà verdetti,

ok vabbè, ma er Ninja se n’è annato.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

20 giugno 2018

Ciao Primavera

Ciao Primavera

***

Er 20 giugno Sora Primavera

chiude er negozzio, è er suo urtimo giorno,

saluta tutti e se leva de torno,

come le gran signore lo fa a sera.

***

E ner saluto preludio ar ritorno,

nun se fa mai mancà, da Donna vera,

de fasse ricordà un’annata intera,

co quer profumo suo e er verde attorno.

***

Ché lei ha portato er giorno a tirà tardi

e pe accorcià de contro le nottate,

come a volé pe lei tutti li sguardi.

***

Co oggi se ne va e le giornate

dovranno conzevaje ‘sti riguardi,

ner mentre viè e s’accomoda l’Estate.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

19 giugno 2018

Artri monni

Artri monni

***

In fonno che ce vò, stanno qua dietro,

de anni luce sò appena quaranta,

è l’urtima scoperta che ce ‘ncanta,

d’avé de l’artre Tere appena a un metro.

***

Quaranta in anni luce pare tanta,

ma confrontata ar Cosmo è appena addietro,

è come si ce separasse un vetro,

un’artra Tera che la vita vanta.

***

Me immaggino ‘na Tera a noi gemella,

a un attimo da qui in tempi da spazzio,

co un’artra Luna e er Sole come stella.

***

E ommini anche lì … e Dio aringrazzio,

nun semo soli, ma un dubbio scervella:

“Nun è che pure là ce sta la Lazzio?”

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

18 giugno 2018

Mannaia settimanale

Mannaia settimanale

***

Ritorna sempre, come ‘na cambiale,

t’ariva addosso a mo’ de ghijottina,

ma come che? Er lunedì matina,

pe quanto tu pòi fà, lui te viè uguale.

***

Uguale, se conzerva in naftalina,

cor suo sapore de chi s’arza male

mai che ciavesse un’ombra de speciale,

rispetto a quello prima a cui s’abbina.

***

Si l’ho rimato centro artre vorte,

è er modo mio pe dì dove lo piazzo

in graduatoria de giornate storte.

***

Nun è ‘na corpa mia, nun me sollazzo, 

è er lunedì che come apre le porte,

abbasta già così e m’ha rotto er c…. !!!

***

Stefano Agostino

_______________________________

****

I sonetti romani,Schegge di vita

17 giugno 2018

Dar Vangelo der giorno: “er granellino de senapa”

Dar Vangelo der giorno: “er granellino de senapa”

***

Così Gesù diceva un dì a la folla:

“Er Regno è come l’omo quanno getta

er seme ne la tera che s’affretta

a germojà, pure che l’omo molla.

***

Quer seme fa lo stelo e la spighetta

poi er chicco pieno, come che un’ampolla,

la farce miete er frutto che se bolla

pronto pe la raccorta più perfetta.

***

Er Regno è ancora come er granellino

de senapa che, seminato in tera,

è er seme in tutto er monno er più piccino.

***

Ma quanno cresce viè da quer che era

er più potente arbero in giardino

che a ‘gni ucelletto je fa ombra vera”. 

 ***

Stefano Agostino

________________________________

***

La Roma in rima

16 giugno 2018

17 giugno a le 17 de 17 anni fa

17 giugno a le 17 de 17 anni fa

***

Le diciassette ar diciassette giugno

de diciassette lunghi anni fa,

s’è colorata tutta la città,

de giallorosso e tricolore in pugno.

***

Co l’artri come sempre a rosicà,

scuciti in petto e tutti co un gran grugno,

la Roma ha vinto e ancora oggi impugno

“la bandieretta” e la fo sventolà.

***

Er diciassette giugno ne la storia

passate solo un po’ le diciassette

de diciassette anni de memoria.

***

Mó è arivato er tempo d’arimette

in cima a tutte l’artre in graduatoria,

la Roma e arimané su tra le vette.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

15 giugno 2018

Ascortando se ‘mpara

ascortando se 'mpara

Ascortando se ‘mpara

***

Chi me conosce sa che parlo poco,

er fatto è che me piace più l’ascorto,

sapé er perché, er per chi, che je s’è sciorto,

a questo o quello, in tutto o pressappoco.

***

E nun lo faccio pe dà un quarche torto

o chissà mai pe quale strano gioco,

ma perché ‘gnuno dentro cià un suo foco

che pò scallà ‘gni artro se n’è accorto.

***

Quer che ciò da dì io lo metto in rima,

me viè più naturale e più diretto,

guasi che a fà così me sbrigo prima.

***

Che poi a ascortà chi è artro nun è detto

che me convinco che sto a mette in cima

quer che va messo invece ar gabbinetto.

***

 Stefano Agostino

____________________________

***