Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

22 Marzo 2018

Er matto

Er matto

***

Er matto è matto lui o chi lo crede?

Chi è che se pò dì sano de mente?

Ch’abbasta unì ‘ste due e viè demente

e er matto ar sano poi come lo vede?

***

Chi è che sa de nun avecce gnente

tra fisime o manie e nun eccede

in quarche sua stranezza e nun s’avvede

de quanto pò sembrà ch’è un deficiente?

***

Er fatto è ch’er concetto de equilibbrio

de testa e de raggione è soggettivo,

nun c’è misura certa de squilibbrio.

***

E pure quanno, caso indicativo,

c’è un matto che dà pubblico ludibbrio,

pò èsse che stia a recità dar vivo!

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. e la Storia c’insegna che appreso ai matti ci vanno un sacco di scemi …

    Comment di Elio Malloni — 24 Luglio 2012 @ 09:32
  2. Tu prova ad avere un mondo nel cuore
    e non riesci ad esprimerlo con le parole,
    e la luce del giorno si divide la piazza
    tra un villaggio che ride e te, lo scemo, che passa,
    e neppure la notte ti lascia da solo:
    gli altri sognan se stessi e tu sogni di loro

    E sì, anche tu andresti a cercare
    le parole sicure per farti ascoltare:
    per stupire mezz’ora basta un libro di storia,
    io cercai di imparare la Treccani a memoria,
    e dopo maiale, Majakowsky, malfatto,
    continuarono gli altri fino a leggermi matto.

    E senza sapere a chi dovessi la vita
    in un manicomio io l’ho restituita:
    qui sulla collina dormo malvolentieri
    eppure c’è luce ormai nei miei pensieri,
    qui nella penombra ora invento parole
    ma rimpiango una luce, la luce del sole.

    Le mie ossa regalano ancora alla vita:
    le regalano ancora erba fiorita.
    Ma la vita è rimasta nelle voci in sordina
    di chi ha perso lo scemo e lo piange in collina;
    di chi ancora bisbiglia con la stessa ironia
    “Una morte pietosa lo strappò alla pazzia

    Comment di roberto genesis — 24 Luglio 2012 @ 09:49
  3. Er matto è matto lui o chi lo crede?
    Chi è che se pò dì sano de mente?
    Ch’abbasta unì ‘ste due e viè demente
    e er matto ar sano poi come lo vede? … (continua)

    Comment di Stefano — 22 Marzo 2018 @ 05:50
  4. In questo paese in tanti fanno i matti per non andare in guerra…, insomma per molti che ci sono, un cospicuo numero ci fa!

    Comment di Silvio — 22 Marzo 2018 @ 09:58
  5. “…Ch’abbasta unì ‘ste due e viè demente…”. A Ste’ sei veramente troppo forte!!!!!!!!!!
    Io penso che di matti ce ne stanno pure troppi in giro, basta leggere i giornali.
    Buon Pomeriggio.

    Comment di maria letizia — 22 Marzo 2018 @ 13:31
  6. Si ce potessimo fa’ tutti ‘n chiaro esame, me sa che pochi aresterebbimo esenti da pècche. eppure quei pochi nunn sarebbero tanto sicuri. Daje, che ‘n pizzico de follia, magari latente, ce l’avemo tutti.

    Comment di 'svardo — 22 Marzo 2018 @ 14:42

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>