Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di ottobre 1, 2017

La Roma in rima,Stagione 2017-18

1 ottobre 2017

Milan – Roma

Milan – Roma: 0-2

***

Che bello quanno sbanchi su a Milano,

comunque sia strisciata è ‘na bellezza,

spavarderia romana co destrezza

orgojo giallorosso, ossia romano.

***

Du’ a zero. Applausi. Detto co chiarezza

bisogna èsse granni e annacce piano,

giocà imponenno er ritmo a tutt’er brano

ch’è un’armonia de sòni e de dorcezza.

***

De Dzeko er primo go’ su deviazzione,

er due è de Florenzi a chiude er conto

ma è la Roma tutta da ovazzione.

***

Nissuno che nun lotti senza sconto,

pe ‘sti tre punti, boni a ‘gni occasione,

ma qui a Milano, mejo pe confronto.

***

Stefano Agostino

***

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “un padre co du’ fìi”

Dar Vangelo der giorno: “un padre co du’ fìi”

***

Gesù je fece a sacerdoti e anziani:

“Un omo co du’ fìi, je dice ar primo,

va’ a lavorà la vigna e quello: – Imo -

ma nun ce va, né oggi e né domani.

***

L’artro fratello: – No, manco a li cani -

je fa ar padre, ma se pente e, dimo,

che invece poi ce va, chi è che stimo?”

Risposero: “Er seconno, co occhi sani”.

***

“In verità ve dico, è questo er punto”,

je replicò Gesù, “chi m’ha creduto,

prima de voi in Cèlo sarà aggiunto.

***

Pentisse, anche a l’urtimo minuto,

sarva ‘gni omo, anch’er più bisunto,

si è vero pentimento conosciuto”.

***

Stefano Agostino

_________________________________

***