Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

16 Giugno 2012

A chi tanto e a chi gnente – Trilussa

A chi tanto e a chi gnente

***

Da quanno che dà segni de pazzia,

povero Meo, fa pena, è diventato

pallido, secco secco, allampanato,

robba che si lo vedi scappi via.

***

Er dottore m’ha detto: “È ‘na mania,

che nun se pò guarì: lui s’è affissato,

d’èsse un poeta, d’èsse un letterato,

ch’è la cosa più peggio che ce sia”.

***

Dice ch’er gran talento è stato quello

che j’ha scombussolato un po’ la mente

pe via de lo sviluppo der cervello.

***

Povero Meo! Si invece d’èsse matto

fusse arimasto scemo solamente,

chi sa che nome se sarebbe fatto.

***

Trilussa

_________________

  1. OH NOOO!!!! Questa propio ‘n’a dovevi da pubbrica’. Nun pò esse’ che te c’arivedi. Che fai, stai ‘n crisi? No daje!
    Allora cercamo de fa’ ‘na cosa giusta e è propio ora de falla. Forza, organizzate ‘sta cena a la “Casetta Rossa”
    Famo come li “Rossogialli” che s’ariunischeno da Checco a lo Scapicollo quanno stanno ‘n crisi.

    Comment by 'svardo — 16 Giugno 2012 @ 12:48
  2. Aoh, che ber vassotio de frutta che me so’ fatto: brugbe rosse bricocole e cerase. Guasi me dispiace magnallo pe nun guasta’ l’armobia de li colori.

    Comment by RomamoR — 16 Giugno 2012 @ 19:03
  3. …. brugne rosse …… no brughe.

    Comment by RomamoR — 16 Giugno 2012 @ 19:04
  4. Grandioso sonetto, graffiante come sempre sa essere il buon Salustri

    Comment by Pablo BigHorn — 16 Giugno 2012 @ 20:04

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>