Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

30 Giugno 2012

Er pignoramento – Trilussa

Er pignoramento

***

Avressi da vedé la prepotenza

de l’usceri der terzo mannamento:

spalancheno la porta, entreno drento,

nun sarveno nemmeno l’apparenza.

***

Fanno un giretto pe l’appartamento,

uno scrive, uno detta: “Una credenza,

un tavolino de la rinascenza,

un comò, quattro sedie, un paravento”.

***

È un anno che quer povero mobbijo

va via, ritorna a casa e rivà via,

lo compro, lo rivenno, lo ripijo.

***

E tanto è er movimento, che li mobbili

cammineno da sé! La serva mia

lo sai come li chiama? L’automobbili.

***

Trilussa

_______________________

  1. …un argomento strettamente attuale, visti i tempi… supermario monti ha ottenuto una piccola vittoria contro la culona crucca riguardo lo spread, speriamo ora faccia un affondo in contropiede per rinviare di uno o due anni il pareggio di bilancio chiesto dalla solita culona.
    A proposito di affondo, ho comprato il DVD su Zeman preparato da Cagnucci (in vendita in edicola) e mi sono emozionato a vederlo… mi ero dimenticato di quanto era forte Paulo Sergio, mamma mia, ce l’avessimo adesso uno così… Un’altra cosa è la differenza del Totti di 13 anni fa e quello attuale: allora era velocissimo, oltre ad avere lo stesso controllo palla e la visione che ha oggi… impressionante

    Comment by Pablo BigHorn — 30 Giugno 2012 @ 15:10

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>