Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

7 Luglio 2012

Li stemmi – Trilussa

Li stemmi

***

Bisogna che lo stemma corisponna

ar nome istesso a furia de pupazzi

bianchi, rossi, turchini, pavonazzi,

tutti inquadrati in d’una cosa tonna.

***

Li Colonna che ciànno? Una colonna.

Presempio la famija Ficarazzi

cosa credi che tienghi? Quattro razzi

co un ber fico in mano d’una donna.

***

Guarda li mi’ padroni: puro loro

ciànno tanto de stemma su la porta,

co tre pigne d’argento in campo d’oro.

***

Ma mo, però, l’argento je se stigne,

la porporina casca e un po’ pe vorta

che vòi che je ce restino? Le pigne.

***

Trilussa

_____________________________

  1. Si vòi lo stemma, abbasta che paghi ‘na certa cifra a uno dei varì siti che pullulano in Internet, e te lo trova o costruisce su misura.
    Er prezzo dipenne da quante pigne ce vòi mette.

    Comment di 'svardo — 7 Luglio 2012 @ 15:32

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>