Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

17 Agosto 2012

Rinite cronica

Rinite cronica

***

Vorebbe véde a te a avecce fisso

er fazzoletto ar naso e er raffreddore,

“rinite cronica” dice er dottore,

co du’ parole e er senzo ch’è un abbisso.

***

“Beh, che vor dì? Me spieghi per favore…”

je dico senza mettece er prefisso,

“Ch’hai da pregà, guardanno er Crocifisso,

pe fattelo passà, ce vò er Signore.

***

Nun c’è ‘na medicina pe ‘sto guajo

de starnutì ‘gni cacchio de minuto,

pure d’estate e no solo a gennaio”.

***

Io me lo guardo, rifrettenno muto,

… quann’ecco ariva, aiuto, nun me sbajo …

EEETCIUUU’, j’ho fatto in faccia ‘no starnuto!

***

Stefano Agostino

_______________________________

  1. Ma alla fine Totò dice “Abortito”!

    Comment di principessa — 17 Agosto 2012 @ 08:56
  2. Quanno me suddede cerco de nun moveme da casa e me tòcca consuma ‘na confezzione de 12 pacchetti de klinec. Certo ch’è un casino.”
    Penziero de giorno:
    “Non mi stupisco delle dichiarazioni di Jonh Elkann. Mi stupisco che ci sia qualcuno che se ne interessi.” Ma se guardasse come hanno vinto in Cina. Li cinesi avranno capito de che masnada de ladri è composto quer team.

    Comment di 'svardo — 17 Agosto 2012 @ 11:35
  3. bello davero …

    Comment di Elio Malloni — 17 Agosto 2012 @ 13:11

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>