Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

9 Settembre 2012

Te ‘mmaggino così

Te ‘mmaggino così

***

Me pare de vedette a te, lettore,

ner mentre che te leggi un mio sonetto,

nun so perché, te ‘mmaggino ner letto,

fórze pe via der nome ingannatore.

***

Me piace da penzà che do l’effetto

de fà fà scopa tra cervello e còre,

d’arilassatte, senza fà rumore,

ché coricato è er modo più perfetto.

***

E hai visto mai che riesco ne l’intento

de concijatte er sonno e fo ‘na stima

 co l’occhio apparpebbrato, sceso lento.

***

Te spengo er lume io, ché faccio prima,

continua a legge tu … ecco l’ho spento…

te sei addormito … sscchh … chiudo ‘sta rima.

***

 Stefano Agostino

___________________________

  1. Er penziero der giorno:
    “Daje Danie’ daje !!! ”
    e
    “Buona domenica a tutti.”
    Mentre m’associo a l’auguri a Daniele, ricambio er Bona Domenica.
    ….
    A me er sonetto nun m’addorme, anzi lo cerco er prima possibbile la matina pe svejamme mejo, come se fosse ‘n bonaugurio pe ‘n’antra giornata che principia..

    Comment by 'svardo — 9 Settembre 2012 @ 09:34
  2. D’accordissimo co ‘svardo, il sonetto è la prima cosa che leggo e molte volte mi dà da pensare!
    Ma che nella partita contro i ladri siamo senza Danielino? Bell’affare. Vabbè buona domenica a tutti.

    Comment by letizia — 9 Settembre 2012 @ 11:47
  3. ULTRA-d’accordo cò ‘Svardo e Letizia!
    Che cce fai la mattina solo cò caffè e cornetto?
    Che cce fai la mattina solo cò er dopobarba preferito?
    Che cce fai la mattina solo cò le notizie belle e brutte?
    LA PRIMA COSA è er sonetto de Stefano, mejo der ginseng!

    Comment by Luis — 9 Settembre 2012 @ 15:40
  4. P.S. Oggi, 14 anni senza Lucio, the King intendo.
    Lucio Battisti.

    Comment by Luis — 9 Settembre 2012 @ 16:37
  5. Grandioso questo sonetto! Bellissimo…
    E Grande anche Luis, che ci rammenta Lucio… una icona della mia giovinezza, adolescenza, adultezza (?) maturità…
    Sono cresciuto a pane e Lucio Battisti, e non è vero, come si dice, che è morto: chi è cresciuto con lui lo porta nel cuore e lo fischietta, e quando canticchiamo quei motivi e refrain non siamo mai soli

    Comment by Pablo BigHorn — 9 Settembre 2012 @ 23:03

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>