Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

13 Settembre 2012

Perché?

Perché?

***

Che t’è passato in testa in quer momento,

quann’hai deciso de falla finita,

de chiude er conto aperto co ‘sta vita,

che t’ha aridotto come foja ar vento.

***

Ché nun hai visto più ‘na via d’uscita,

ar punto che, stremato dar tormento,

hai spinto er tasto de l’acceso-spento

p’uscì de scena, da te mai gradita.

***

Quer che t’ha mosso ar passo conta poco,

solo a spiegacce, ar più, qual è er motivo

pe cui hai scerto de mollà ‘sto gioco.

 

Ma è solo un triste e vano pajativo,

pe fasse ‘na raggione, pressappoco,

der fatto che sei morto, ma eri vivo.

 

Stefano Agostino

__________________________

  1. genio

    Comment by Laura — 13 Settembre 2012 @ 08:27
  2. Leggenno er penziero der giorno:
    “Zeman, nemmeno a metà settembre, ha già addobbato l’Abete.”;
    me vie’ er timore che s’aripeteno li nefasti arbitraggi de 13/14 anni fa.
    …..
    Si, c’è veramente da ponese l’interrogativo “perché”. Perché quale sarà la molla che fa scattà quell’atto de coraggio e de disperazione? Forse l’angoscia d’affronta’ ‘n futuro de pene, perché si è soli, senza er conforto de persone amiche capaci de datte coraggio a seguità a vive’?

    Comment by 'svardo — 13 Settembre 2012 @ 09:23
  3. Magari un attimo prima, a qurcuno che j’ha domandato: “Come va?”; j’ha risposto: “Tuttaposto”.

    Comment by 'svardo — 13 Settembre 2012 @ 09:27
  4. Che tristezza…..=(((

    Comment by stefania al mascherone — 13 Settembre 2012 @ 09:45
  5. E’ la domanda che ci poniamo tutti al cospetto di questa estrema decisione: Perchè? per viltà o per coraggio?

    Sempre grazie ‘svardo: pensiero del giorno preoccupante, a dire poco.

    Comment by letizia — 13 Settembre 2012 @ 09:59
  6. Nn possiamo neanche immaginare il dolore che porta a un gesto del genere…La depressione è una malattia, spesso incurabile.

    Comment by federica_perla — 13 Settembre 2012 @ 10:52
  7. Sonetto Tristissimo, Stè!
    La depressione? Purtroppo conosco molto da vicino sto problema…
    Noi, quelli che je stanno più vicini, non sappiamo come prenne contromisure, bisogna avè solo molta pazienza pur nella disperazione, nella sensazione di vera impotenza, nel non riuscire a capire il perchè, come è successo…
    Dice che ce se guarisce ma non te dicono mai quando…
    E intanto loro si allontanano sempre de più da ‘na vita normale…

    Comment by Luis — 13 Settembre 2012 @ 21:28
  8. P.S. Il pensiero del giorno è Strato-sferico, perfino adeguato (nel senso delle palle dell’albero…)

    Comment by Luis — 13 Settembre 2012 @ 21:30

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>