Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

2 Agosto 2016

L’accento su Roma

L’accento su Roma

***

‘Gni vorta ch’ariguardo ‘sta città,

sapenno ch’è la mia, me sento un Re,

me chiedo chissà mai qual è er perché,

fra tutte io so’ ito a nasce qua.

***

E mentre me sorzeggio un bon caffè

ringrazzio Dio pe quela Sua bontà,

ché ar monno un’artra pari nun ce sta,

Londra o Parigi o chi te pare a te.

***

‘Ndó t’arivorti e guardi qui e lì,

‘no scorcio, un monumento o che ne so

la Storia a Roma (embè) te dà der “Tu”.

***

E basta che me stacco un po’ da qui,

so già che nun pò èsse più de un po’,

ché senza Roma io nun vivo più.

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. Er penziero der giorno:
    “Da Mauri a Zauri, capitan laziale. Cambio d’iniziale, non di circondariale.”
    Core voce che er Ministro de Grazia e Giustizia vò trasforma Formello in Casa Circondoriale. Forze la succursale de Rebibbia.
    Ah Lotirchio, ma andove li vai a pesca’ ‘sti fiori?!
    …..
    Er sonetto è ‘n inno a Roma e Roma è Roma e poi …. er nulla.
    Esse nati a Roma e tifa’ Roma è un nun plus urtra.
    Poracci quelli che’nvece nun sanno gòde e tifeno … lazinter.

    Comment by 'svardo — 18 Settembre 2012 @ 08:43
  2. Noi semo noi, e l’altri…..( diceva Alberto Sordi)….*asterischiamo* va’!!!!!!!
    Bella, molto bella=)

    Comment by stefania al mascherone — 18 Settembre 2012 @ 09:26
  3. Bella ROMA mia TI AMO

    Comment by letizia — 18 Settembre 2012 @ 09:39
  4. bella Stè, con tutte le vocali tronche …

    Comment by Elio Malloni — 18 Settembre 2012 @ 12:42
  5. Epecchinonl’avessecapito:

    ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA ROMA !!!

    Ecco, non c’è proprio spazio pè n’artra città!!!

    Comment by Luis — 18 Settembre 2012 @ 18:46
  6. Caro Zeman,
    c’è chi dice che la difesa corre tropPI RISchi…
    … che BUR DI SSOpprimere l’avversario non sai rivedè in corsa i PJANI Che sono alfine prevedibili…
    …soprattutto cò ‘na squadra stanCA STANca…
    In sintesi, che sei stato un pò malDESTRO…

    Insomma la squadra non ha colpe, basta legge tra le righe…

    MASEMPREFORZAROMA!!!

    Comment by Luis — 18 Settembre 2012 @ 19:12
  7. Grandioso Luis.

    Comment by Stefano — 19 Settembre 2012 @ 07:28
  8. ‘Gni vorta ch’ariguardo ‘sta città,
    sapenno ch’è la mia, me sento un Re,
    me chiedo chissà mai qual è er perché,
    fra tutte io so’ ito a nasce qua. … (continua)

    Comment by Stefano — 26 Luglio 2016 @ 15:30
  9. Chi nasce a Roma è baciato dalla fortuna!
    Buona Giornata!

    Comment by letizia — 2 Agosto 2016 @ 11:16
  10. Bon pranzo e bon meriggio. Sonetto esartante, che solo chi è nato a Roma, pure se da genitori “globe trotter”, lo pò capì. Che ne so, forse è ‘na forma d’orgojo istintivo, forse è er fatto che, come compì li primi passi, te trovi a vede’ monumenti che te parleno de storia fatta da gesta epiche, monumenti d’arte, quer verde de li pini,
    quei tramonti pieni de colori e quer venticello pomeridiano arifresacante ‘e giornate più calle.
    M’è venuto da penza’ a quer francese, emigrato da la Maggica a la zebra torinese, che disse d’ama’ quella città fumosa e nebbiosa, andove era ito a fini’; poi dopo svariati anni diss Roma non si scorda mai.
    Quanto sei bella Roma, hai sette gemme chiuse nel diadema e la tua verde chioma, dar Pincio ar Palatino t’incorona ……

    Comment by 'svardo AsR'29 — 2 Agosto 2016 @ 13:16

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>