Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

3 Luglio 2019

Acronimi

Acronimi

***

Se parla ormai pe sigle e abbreviazzioni,

pe acronimi, co la punteggiatura,

che a leggeli così fanno paura,

soggetti a mille e più interpretazzioni.

***

E pe studialli e fasse ‘na curtura,

si adotti er meccanismo e t’appassioni,

poi rischi d’accorcià parole e suoni,

in codici fiscali in mignatura.

***

S’ariverà un ber giorno ner futuro,

a intavolà un discorzo articolato,

grazzie sortanto a un arfabeto oscuro.

***

E usanno le inizziali, in sincopato,

nun capiremo un cazzo de sicuro,

ma scritto co un CZ eppoi puntato.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. Cmq TVTTB…xke’ nn so’…:-)P

    Comment di stefania al mascherone — 28 Settembre 2012 @ 09:51
  2. Ciao Stefania, considerato che non sono riuscito a collegarmi con il sito de “Al Mascherone”, approfitto der blogghe de Stefano pe fa’ ‘na domanda:
    Ortre ar menù romano c’avete pure pesce fresco?

    Comment di RomamoR ASR'929. — 28 Settembre 2012 @ 17:51
  3. Caro Stefano, permettimi una riflessione sul tuo pensiero del giorno sulla scomparsa del tuo amico tifoso laziale.
    La cosa importante è decidere a priori che cosa è la ASRoma, che cosa è la SSLazio. Se le società sono i dirigenti, i giocatori, il presidente… allora devo condividere quello che scrivi.
    Ma se invece la ASR e la SSL sono dei rispettivi tifosi, e questa è la mia interpretazione, allora non è come tu scrivi. Perché la dipartita di un tifoso colpisce e impoverisce la famiglia, gli affetti e gli amici, inclusi gli amici tifosi. E allora, quando muore un tifoso alla societò di calcio importa, eccome se importa, perché importa ai tifosi che sono i veri “proprietari” della ASR, della SSL.
    Almeno io la penso così-
    TVB

    Comment di Pablo BigHorn — 28 Settembre 2012 @ 23:20
  4. Se parla ormai pe sigle e abbreviazzioni,
    pe acronimi, co la punteggiatura,
    che a leggeli così fanno paura,
    soggetti a mille e più interpretazzioni. … (continua)

    Comment di Stefano — 9 Luglio 2016 @ 12:47
  5. Il linguaggio si evolve continuamente nel tempo, è sempre stato così, quello parlato e anche quello scritto. Del resto va di pari passo con l’aumentata velocità dei nostri ritmi di vita. Capisco però che per un purista dell’italiano acronimi, abbreviazioni e storpiature varie sono pugnalate nello stomaco…
    Grazie all’amico Paolo che ci racconta e ci commenta in presa diretta le vicende giallorosse di Pinzolo!

    Comment di Silvio — 14 Luglio 2016 @ 09:56
  6. Capisco che ormai andiamo tutti di corsa, ma gli acronimi io proprio non li sopporto.
    Buon Pomeriggio.

    Comment di letizia — 14 Luglio 2016 @ 15:08
  7. A proposito di acronimi oggi primo allenamento per JJ. A me non fa impazzire, mi sembra al livello di zknvc (zukanovic). Solo esercizi tattici stamane, difesa a 4 che scappa indietro mantenendosi in linea, oppure due attaccanti scattano insieme, uno dei due riceve palla, si ferma e la passa indietro al centrocampista che al volo lancia l’attaccante che continuava a correre. Insomma schemi semplici, buoni per mettere in difficoltà le squadre di categoria inferiore, come gli sbiaditi biancasuri

    Comment di Pablo Bighorn — 14 Luglio 2016 @ 15:39
  8. Ho gettato uno sguardo alla zona palestra e ho visto il capitano fare scatti brevi con e senza paletti. Buon segno, manca poco al rientro.

    Comment di Pablo Bighorn — 14 Luglio 2016 @ 15:43
  9. Ma la cosa più bella di oggi è stato il grandecornino Damiano (11 anni) che finalmente è riuscito a fare un selfie con il grande Spalletti, una persona deliziosa e molto molto disponibile

    Comment di Pablo Bighorn — 14 Luglio 2016 @ 15:46
  10. Non lo tengo dalla felicità. Grazie Mister!

    Comment di Pablo Bighorn — 14 Luglio 2016 @ 15:48
  11. Bonpomeriggio. Co l’acronimi s fa’ ‘na gran confusione, se dopo avello scritto nun lo segue la frase cor significato, percui che se risparmia?
    Grazie Paolo, so’ d’accordo co te circa (l’acronimo) J.J., sòrdi sprecati, era mejo ‘ncassa’ er sardo de Dodo.
    Da padre ‘n fijo; comprimenti pe er tuo Damiano.

    Comment di 'svardo AsR'29 — 14 Luglio 2016 @ 16:07
  12. Questo è un nuovo alfabeto inventato per velocizzare la messaggistica istantanea, comunicazione fatta di acronimi, parole storpiate, abbreviate, infarcite di k, niente punteggiatura e uso smodato di “emotions” (faccine). E’ l’azzeramento di millenni di cultura letteraria, un lessico totalmente privo di contenuti, infantile e rozzo!

    Comment di Silvio — 3 Luglio 2019 @ 09:00
  13. Se penso che abbiamo avuto Dante, sommo Poeta e non cito tutti gli altri, (ne abbiamo avuti e ne abbiamo veramente tanti), mi cadono le braccia! E, comunque, leggendo certi messaggini, mi sembra che la grammatica non sanno neppure dove stia di casa, per non parlare degli apostrofi e degli accenti!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 3 Luglio 2019 @ 11:48
  14. Bel sonetto. Complimenti Stefano!
    Io penso che nel mondo in generale, con l’avvento del computer e dell’emigrazione incontrollata di massa, il livello di cultura e di etica sia sceso di molto, proprio come nel principio fisico dei vasi comunicanti.
    In quanto ar pensiero del giorno, io penso che la Roma/Pallotta ha gia’ sBARELLAto de brutto, speciarmente coi tifosi de core ….giallorosso!

    Comment di romano cb — 3 Luglio 2019 @ 16:30

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>