Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

11 Ottobre 2012

A la fermata de l’autobus

A la fermata de l’autobus

***

I

Arivo e sto da solo a la fermata,

sarà appena passato quello prima,

c’è ‘na tabbella e ‘na presunta stima:

p’er prossimo mezz’ora dichiarata.

***

Leggo er giornale e do un’occhiata ar clima,

frattanto ecco che mo s’è presentata,

qui accanto a me ‘na vecchia ‘mbacuccata:

“bongiorno” – dice –  j’arisponno in rima.

***

Venti minuti, tocca aspettà ancora,

ariveno sett’otto scolaretti,

un tizzio co un ombrello e ‘na signora.

***

Dieci minuti … “È tanto che l’aspetti?”

me chiede uno e ariguardo l’ora:

“Sò ventitré minuti a èsse coretti”.

****

**

II

Cinque minuti, dice la tabbella,

intanto ner frattempo sò arivati

un vecchio, du’ pischelli innammorati,

un mezzo armadio e uno in carozzella.

***

Ancora du’ minuti sò indicati,

semo ‘na cifra su ‘sta mattonella

a aspettà er bus … che guarda tu la jella,

è fermo ar rosso giù de tre isolati.

***

Eccolo ariva, daje, finarmente.

È tutto pieno e mo quanno te siedi,

ma c’entreremo io e ‘st’artra gente ?!?

***

Apre le porte e ancora che me chiedi?

Sargheno tutti l’artri e io … pe gnente.

Ma sai che c’è … “fanculo”… vado a piedi!

***

Stefano Agostino

__________________________

  1. ….”Ma sai che c’è … ”fanculo”… vado a piedi!”
    Tutta salute a cammina’ la matina pe annà a lo sgobbo e, de sti tempi, arisparambia’ 1 euro e mezzo nun fa male..
    …..
    Penziero der giorno marinaro:
    ” “Schettino fa causa alla Costa”.
    Lo so che fa ridere, ma non è mia. E’ la verità”
    Robba da chiodi; però lui ce prova, ‘a visto mai che co’ la inGiustizia de oggi j’ariesce la ciambella (de sarvataggio) cor buco?

    Comment by 'svardo — 11 Ottobre 2012 @ 09:08
  2. Bravo Stefano, il sonetto è una fotografia!
    Grazie ‘svardo!

    Comment by letizia — 11 Ottobre 2012 @ 10:14
  3. Ricordo sempre con simpatia le spinte per salire sull’autobus stracolmo che mi portava a scuola…il viaggio accalcato come nei treni merci dei nazisti verso i campi di sterminio…e l’illogica allegria che caratterizzava quella mezzora!
    Bei tempi…anche se certi giorni , specialmente in metropolitana , è ancora cosi’.

    Buongiorno Stefano, buongiorno romainrima!

    Comment by Stefania al MAscherone — 11 Ottobre 2012 @ 11:28
  4. Buongiorno a tutti. Quando prendevo l’autobus c’era ancora il bigliettaio e costava 100 lire mi sembra. Vado in macchina da una vita ma la situazione non è certamente migliore…traffico…caos…clacson…cittadini infuriati ! E allora il pensiero corre subito al sogno della mia vita( penso che rimmarra’ tale): Costruire un villaggio in cima ad un monte abitato solo dai miei amici e soltanto da loro, con tante case, tanto verde e fiori. Senza telefoni,senza telefonini, snza computer e televisioni, insomma nessun mezzo di informazione. A valle del monte un edificio con tutti i ritrovati tecnologici dove andare solo quando serve. Un sogno lontano dalla civilta’. Forse mi mancherebbe solo la ROMA !

    Comment by roberto genesis — 11 Ottobre 2012 @ 12:01
  5. Grazie a tutti. E’ bello leggervi, sempre. Alcune volte lo è ancora di più. Normalmente quando raccontate un po’ di voi stessi. Anche questo in fondo fa “famiglia”. Vi voglio bene.

    Comment by Stefano — 11 Ottobre 2012 @ 12:09
  6. Se annamo pe ricordi, m’aricordo quanno spesso se pjava l’ESSE TI (abbreviato: S T), s’arisparmbiava er bijetto e spesso s’arivava prima der tramve o der busse.
    Era bello, da regazzino, attaccasse ar tramve e fa incavola’ er fattorino oppure ce divertivamo a stacca’ er trolle a li filobusse. Ammazza le corse cor fattorino de dietro.
    P.S.: Pe chi nun lo sapesse S T sta pe Sòla e Tacchi, ciovè a “pedagna”.

    Comment by 'svardo — 11 Ottobre 2012 @ 12:14
  7. Caro Svardo nun pontificà all’antri de annà a piedi
    Arza ste chiappe e fà movimento cosi vedrai che la panza nun arriverà al mento

    Comment by leandro — 11 Ottobre 2012 @ 14:48
  8. uno dei miei ricordi è quanno se giocava co le lattine delle bibite a battimuro scennevavo giù pe la piramide aspettano e tranve e sotto le rotaie ce mettevamo le lattine pe schiaccialle che tempi ahoo…!!!!!

    Comment by leandro — 11 Ottobre 2012 @ 14:52
  9. Che fenomeno ‘sta città: traffico caotico, niente parcheggi, macchine in doppia fila, metro insufficiente, autobus rari, lenti e sempre pieni! Quando piove poi è il delirio più totale! Peggio di Roma ho visto solo le mastodontiche città asiatiche…

    Comment by Silvio — 11 Ottobre 2012 @ 16:58
  10. … ‘N’amico mio…
    al liceo…
    ariva tardi…
    tutto trafilato…
    1^ ora: italiano…
    La prof.:Paolo, come mai questo ritardo?
    E lui: A’ Pressorè (professoressa), colpa dell’AUTI…
    La prof: Ma mica se dice l’AUTI!!!
    Elui: Vabbè, a pressorè, colpa degli AUTI!!!
    CHEVVELODICAFA’…

    Comment by Luis — 11 Ottobre 2012 @ 17:13
  11. Io MI STRESSO ad aspettare gli autobus alla fermata 🙁

    Comment by principessa — 19 Ottobre 2012 @ 09:52

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>