Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

19 Ottobre 2012

La pennichella

La pennichella

***

Inevitabbirmente dop’er pranzo,

e ancor de più si ho tracannato un goccio,

comincio a scapoccià e si scapoccio

è segno che ciò sonno in disavanzo.

***

E ce lo so, so’ io che so’ de coccio,

ché, si ho da lavorà, mejo che scanzo

l’idea de beve er vino e che m’appanzo,

sinnò me pija sonno stile incoccio.

***

Potessi famme mó ‘na pennichella,

come quela intonata da Manfredi,

m’addormirebbe e a la chetichella …

***

… dovressi da vedé si nun me credi,

come me casca l’occhio e me sbarella,

nun posso lavorà, ché dormo in piedi.

***

Stefano Agostino

________________________

  1. Il momento piu’ bello del dopo-pranzo, quando ”te cala la palpebra” e t’allunghi sul divano tuo…queste pure so’ soddisfazioni!
    Ciao poeta:)

    Comment by stefania — 19 Ottobre 2012 @ 09:46
  2. Io mi sforzo sempre di CONTRASTARLA, la pennichella, con litri di caffe’ 🙂

    Comment by principessa — 19 Ottobre 2012 @ 09:48
  3. Sacrosanta verità er sonetto. M’aricord la sofferenza de quanno, da regazzetto, annavo a scòla er pemeriggio; ce sarebbero voluti l’occhiali a la Cecconi. Adesso nu je do peso, m’addormo cicio, cicio e dico: santa pennichella.

    Mica male er penziero der giorno:
    “Potremmo proporre uno scambio alla pari: dateci indietro i due “marò”, noi vi diamo Maroni”.
    Come ar supermercato “prendi due e paghi uno”, pe li due è ‘na libberazzione da la prigionia, pe l’uno è ‘na libberazzione pe l’Italia.

    Comment by 'svardo — 19 Ottobre 2012 @ 09:55
  4. La beata pennica post pranzo è quello che più mi manca in questo frullatore quotidiano, se ce la potessimo permettere la qualità della vita salirebbe parecchio di livello!
    W la siesta e forza Roma!!!

    Comment by Silvio — 19 Ottobre 2012 @ 10:38
  5. Il riposino pomeridiano è una usanza che non mi appartiene: mi sembrerebbe di sprecare la giornata (anche perchè non mi viene sonno).

    Comment by letizia — 19 Ottobre 2012 @ 11:30
  6. … fra asilo, scòla, lavoro, famija, ecc., raramente m’è capitato de famme la pennichella dopo er pranzo … ma mò, che sto in penzione, è addiventata ‘na bella abbitudine, tanto che si la sarto pe quarsiasi motivo, dopo me rode un po’ er …

    Comment by Elio Malloni — 19 Ottobre 2012 @ 12:11
  7. Io non dormivo il pomeriggio neppure da bambina 🙂

    Comment by principessa — 22 Ottobre 2012 @ 09:46

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>