Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

23 Ottobre 2012

Er Padre Nostro

Er Padre Nostro

***

I

Er Padre Nostro è propio la preghiera

che cià inzegnato stesso Gesù Cristo,

atteso che, conziderato e visto,

si tanto me dà tanto, è la più Vera.

 ***

Si chiama nostro er Padre, io qui inzisto,

vor dì che la generazzione intera

de tutti l’omini sopr’a ’sta Tera

se pò dì fija, pe cotanto Acquisto.

 ***

Sò riportate, poi, da li Vangeli

de seguito le sette invocazzioni,

a Chi pe residenza cià li Cèli.

 ***

La prima, tanto pe comprenne er come,

comincia a dà precise indicazzioni:

de Lui ne sia santificato er Nome.

***

II

Santificato er nome in modo degno,

ariva la seconna invocazzione,

ch’è come ’na richiesta o petizzione:

qui su ’sta Tera mó venga er Suo Regno.

*** 

Regno de Grazzia e d’unica Nazzione,

de Pace suggellata da quer Segno:

Gesù inchiodato in Croce e de quer Legno,

principio de la nostra sarvazzione.

 ***

E tanto poi p’aribbadì lo stesso

concetto ch’è Lui er Re de l’Univerzo,

segue la terza invocazzione appresso.

 ***

Sia fatta la Sua volontà, foriera

d’Amore e Gioia in de ’gni senzo e verzo,

così ner Cèlo come su ’sta Tera.

***

III

Er punto più gradito è dacce oggi

er pane nostro, quelo quotidiano,

er furcro de richeste pe l’umano,

che cerca aiuti, protezzione e appoggi.

*** 

Chiede ar Signore si ce dà ’na mano,

ché tanto serve a tutti, alegri e moggi,

è er modo pe fà sì che nun se alloggi

artrove ’ndò chi chiede lo fa invano.

 ***

La quinta invocazzione è la più tosta,

rimette a noi li debbiti contratti,

nun è la parte che cara ce costa…

 ***

… quela che ce dà noje e anche dolori,

e che richiede a noi li stessi patti:

come noi a li nostri debbitori.

***

IV

La sesta invocazzione è interpretata

ner senzo più fedele a Tradizzione,

ché certo nun pò indure in tentazzione,

Chi cià la veste bianca e immacolata.

 ***

Così ch’è più vicina a l’intenzione

de ’sta richiesta l’èsse formulata

ner senzo che nun vada abbandonata

un’anima, finenno in perdizzione.

 ***

L’invocazzione settima, finale,

se ricollega a quella precedente,

che Dio ce scampi e libberi dar male.

 ***

Mó chiudo ch’arisparmio un po’ de inchiostro,

chiedenno a te, credente e nun credente,

m’aiuti a dì inzieme un Padre Nostro?

***

Stefano Agostino

________________________

  1. Lo recitamo assieme seguenno sto dettame:
    ……..
    “Tu invece, pe’ prega’, chiudete a chiave,
    solo, in camera tua, prega er signore
    e d’un fuscello nun ne fa’ ‘na trave.
    E nun sfiatatte a ciancica’ parole:
    chè, Dio Padre, te legge dentro ar core,
    senza parla’, sa…quello che te dole.
    E senza parla’ tanto complicato,
    voi dovete prega’ cor core in mano:

    Padre nostro, che in celo sei sovrano,
    sia sempre er nome tuo santificato,
    e venga e regno tuo sopra er creato;
    volontà tua nell’universo sano.
    Tu, dacce er nostro pane cotidiano,
    rimettece e perdona ogni peccato,
    come noi pure, mossi a compassione,
    risparmieremo er nostro debbitore.
    Dio Padre…nun ce mette in tentazione,
    ma viecce a libberà da tanto male.

    Perché…avrete er perdono der Signore –
    solo se voi farete tale quale.”
    ….
    Da “Er Vangelo seconno noantri” di Bartolomeo Rossetti.
    ….

    Comment by 'svardo — 23 Ottobre 2012 @ 09:03
  2. Leggenno “Er Padre nostro” de Stefano, me so’ aricordato de San Francesco che, annanno a piedi co li confratelli verso Roma da Assissi, se fece tutta la strada pensanno er significato d’ogni parola de la preghiera.

    Comment by 'svardo — 23 Ottobre 2012 @ 09:09
  3. A Stè stai proprio a spiccà er volo, stai a diventà un mestro, un grande professore, pure de teologia disquisisci, davvero straordinaria quest’esegesi in rima! Ahò tanta autorevolezza me inibisce, me mette in soggezione …mò me sa che me toccherà datte del lei eheheh!

    Comment by Silvio — 23 Ottobre 2012 @ 09:41
  4. Sublime! E’ una preghiera bellissima. Grazie Stefano!
    B. Rossetti, oltre ad essere un poeta, era il mio prof. d’italiano.
    …………
    Non riesco a leggere il pensiero del giorno: ‘svardo aiutami. Grazie.

    Comment by letizia — 23 Ottobre 2012 @ 11:26
  5. Ciao Letizia, ogni tuo desiderio è un ordine, ecco er penziero der giorno:
    “Prima i veronesi contro Morosini, poi il TG3 Piemonte contro i napoletani. Qualcuno mi sa indicare dove posso trovare i moduli per cambiare cittadinanza?”
    Però, in sto caso, nun abbasta cambia’ ‘a cittadinanza, s’ha da cambia’ nazzionalità.

    Comment by 'svardo — 23 Ottobre 2012 @ 13:55
  6. STUPENDO! E AMEN!

    Comment by Luis — 23 Ottobre 2012 @ 18:40

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>