Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

2 novembre 2012

Quanno sarà

Quanno sarà

***

Quanno sarà, metteteme ar Verano,

ché senza toje nulla a Prima Porta,

io preferisco ‘sta pellaccia morta

falla sdrajà com’ha da fà un romano.

***

Lo so ch’è pieno e ormai ce vò la scorta

pure pe tumulà, ‘sto monno è strano,

ma si potete, dateme ‘na mano,

vojo addormimme a Roma de ‘na vorta.

***

Si propio nun se pò o nun c’è più posto,

allora pe quel’urtima memoria,

ciò un’artra sede, un po’ più a basso costo…

***

Quanno sarà, a quer punto la mia storia,

ha da finì così: che pure a agosto,

vedo la Roma, steso lì a Trigoria.

***

Stefano Agostino

_____________________________

  1. Si, quanno sarà! Nun vojo aresta’ solo; m’accuccerò cicio cicio vicino a Lei che m’ha preceduto.
    Er tempo passa e la “megera” s’avvicina.

    Comment by 'svardo — 2 novembre 2012 @ 16:09
  2. Sei un grande Ste’

    Comment by annarita — 2 novembre 2013 @ 10:33
  3. Grazie Ste’ de facce rilegge le cose scritta anni fa.
    Verità più vera, nun potevi scrivela! Defatti ariconfermo quello detto allora e propio oggi, ‘n presenza de mi fijo, ho riconfermato quer desiderio ariscritto quattranni fa.
    Ormai sento ch’a “megera” sta a ariva’ addietro ‘a porta. Forze sta pe sona’ ar campanello.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 2 novembre 2016 @ 15:55

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>