Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

4 Novembre 2017

Aldo Fabrizi – Er mortorio

Er mortorio

***

Appresso ar mio nun vojo visi affritti

e pe fà ride pure a ‘st’occasione

farò un mortorio co consumazzione

in modo che chi venga n’approfitti.

***

Pe incenzo vojo odore de soffritti,

‘gni cannela dev’èsse un cannellone,

li nastri, sfoje a l’ovo e le corone

fatte de fiori de cucuzza fritti.

***

Li cuscini timballi de lasagne,

da offrì ar momento de la sepportura

a tutti quelli che sapranno piagne.

***

E su la tomba mia tutta la gente

ce leggerà ‘sta sola dicitura:

Tolto da questo mondo troppo al dente“.

***

Aldo Fabrizi

__________________

***

  1. Grande Aldo, ironico, genuino, vero popolano romano
    Stefano….qui’ vince lui:)P

    Comment by stefania — 5 Novembre 2012 @ 10:03
  2. Appresso ar mio nun vojo visi affritti
    e pe fà ride pure a ‘st’occasione
    farò un mortorio co consumazzione
    in modo che chi venga n’approfitti. … (continua)

    Comment by Stefano — 2 Novembre 2016 @ 08:19
  3. Ha ha ha ha troppo forte!!!!!

    Comment by laura — 2 Novembre 2016 @ 08:37
  4. Bon giorno e …… requiem a quelli che sembra sieno iti, ma ce stanno sempre vicini.
    Pure Lui, Ardo Fabrizi, è uno de quelli tanti che nun so’ mai dimenticati e che ce fanno aricorda’ er tempo che fu.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 2 Novembre 2016 @ 09:52
  5. Bon sabato a tutti e che pure la domenica ve sia propizia. A me ce scriveranno ….. Stracotto.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 4 Novembre 2017 @ 07:49
  6. Bellissimo! Grande Aldo!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 4 Novembre 2017 @ 09:11

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>