Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

6 Novembre 2012

Capita che

Capita che

***

Capita er giorno che nun so che scrive,

me guardo er fojo bianco e dico: “E adesso,

mó che me ‘nvento? E succede spesso:

in testa ciò du’ idee, pure cattive.

***

Quale argomento sceje e quale nesso,

ma più me spremo qui meningi e olive,

più nun viè gnente e più ste quattro pive

dar sacco nun le caccio e c’esco lesso.

***

Succede, e me n’accorgo solo dopo,

quanno me sarta quela connessione

tra còre e testa … come gatto e topo.

***

Ché senza còre, che vor dì passione,

nun riuscirò mai a arivà a lo scopo,

de scrive un verzo che me dia emozzione.

  ***

Stefano Agostino

___________________________

  1. Tra còre e testa … come gatto e topo: metafora impeccabile, sono le idee che rincorrono il foglio bianco eheheh!

    Comment by Silvio — 6 Novembre 2012 @ 09:39
  2. Si, pò capità, eppure, senza ave’ ‘n soggetto da scriva, hai chiaramente descritto, in versi, lo stato d’animo de li momenti de crisi. Che volevi fa? Scrive mejo de così?
    E’ inutile: sei er mejo.
    ………
    Giusto er penziero der giorno:
    “Chiarezza su Daniele De Rossi.”
    Hanno da di chiaro e tonno se è lui che s’è stufato de la manfrina de Zeman o so’ loro che cercheno de fa’ cassetta p’aripiana’, in parte, er deficitte provocato da campagne cessioni e acquisti sprecone.

    Comment by RomamoR ASR'929. — 6 Novembre 2012 @ 11:35
  3. Meno male che dici di non avere idee…SEI GRANDE STEFANO!
    …..
    Per quanto riguarda De Rossi, io spero tanto che resti: ma poi chi ci mettono al suo posto,visto che questi non c’hanno un soldo?!

    Comment by letizia — 6 Novembre 2012 @ 12:54
  4. …e infatti, anche stavolta la connessione c’è stata e gli endecasillabi sono stati scritti.
    Mi piace pensare che il poeta fa emergere dal foglio quello che c’è già scritto. Nelle sue emozioni.

    Comment by Pablo BigHorn — 6 Novembre 2012 @ 15:57
  5. Pensiero del giorno: Chiarezza su DDR.
    Più chiari di così! La ASR ha un passivo di 55 milioni di euro, che si sommano al passivo dello scorso anno. Centodieci milioni per stare fuori dalla champions e dall’europa league. Una follia.
    Quindi, se arriva una barca di denari da parte degli sceicchi, DDR fa le valigie e Unicredit tira un sospiro di sollievo (io sono convinto che finora i denari li ha tutti anticipati Unicredit).
    Epperò… non arriveranno mai queste offerte faraoniche. Perchè DDR ha uno stipendio da top, che vorrebbe aumentare sostanzialmente prima di lasciare Roma, e questo, anche per gli sceicchi, impedisce di formulare un’offerta sui 30 mln, base d’asta per la Roma.
    Ma poi, non c’era la spending review pure nel calcio?!?

    Comment by Pablo BigHorn — 6 Novembre 2012 @ 16:03

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>