Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

22 Novembre 2012

Vivi er presente

Vivi er presente

***

Stai sempre a preoccupatte der futuro:

“Come sarà? Io che farò domani?”

E nun te renni conto che allontani

la vita tua presente, arzanno un muro.

***

Invece d’acchiappalla a piene mani,

ch’oggi ce stai, de questo sei sicuro,

domani e tutto er prossimo venturo,

ce lo sa solo Dio, che fa li piani.

***

E nun me pare che sei un indovino,

pe cui vabbè quell’èsse previdente,

ma tante cose lassale ar destino.

***

In de ‘gni caso, nun te dico gnente,

a parte de gustatte ‘sto cammino,

se chiama “dono” l’oggi, ossia “presente”.  

***

Stefano Agostino

___________________________

  1. E c’hai raggione. Però, co sti tempi grami, nun è male penza puro ar domani, magari lassanno perde’ er dopodomani.
    Si nun fai così, co tutti sti taji de “Werfare” e st’ariarzi de prezzi, nun te pòi mette a canta’: “Cicala, cicala, cicala…..”
    Pe tutto er resto …… ” ‘gni lassata è perza “.

    Comment di 'svardo — 22 Novembre 2012 @ 08:21
  2. Buongiorno a tutti!
    Carpe diem, dicevano i nostri saggi antenati, ora ci sono tra un minuto chi lo sa?

    Comment di letizia — 22 Novembre 2012 @ 09:21
  3. Il tempo è un regalo della vita, infatti è vero quello che hai scritto, che per il fatto di essere un dono si chiama presente!

    Comment di Silvio — 22 Novembre 2012 @ 09:33
  4. Non fatevi tesori su sta terra, diceva Quarcuno…
    O era l’Agenzia delle Entrate?

    Stamattina sò stato all’Agenzia per le Entrate…
    La gente non vedeva l’ora di Uscire…
    Poi sul più bello sò annati in tilt i computer…
    Evvai, pe tutti è stata Festa Nazionale… peccato che è durata poco!

    Comment di Luis — 22 Novembre 2012 @ 17:26
  5. Quam minimum credula postero…

    Comment di Paolo bighorn — 23 Novembre 2012 @ 10:32
  6. Ah Paolo, fatte capi’. Nun semo tutti ‘struii.

    Comment di 'svardo — 23 Novembre 2012 @ 15:22
  7. “‘struiti”

    Comment di 'svardo — 23 Novembre 2012 @ 15:22
  8. Nonno ‘Svardo, è solo il proseguimento di quanto scritto da Letizia che citava il poeta latino Orazio: “Carpe diem, quam minimum credula postero”
    Ovvero: “Cogli il momento, e non fare affidamento al futuro”.
    La traduzione non è letterale, ma mi piace così.

    Profitto per consigliare una visita a Licenza (non lontano da Tivoli, ci si arriva dalla autiostrada Roma L’Aquila uscendo a Vicovaro) dove ci sono i resti della villa di Orazio, ben tenuti in un piccolo parco con custode. Ingresso gratuito. La visita vale il viaggio!

    Comment di Pablo BigHorn — 23 Novembre 2012 @ 21:41

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>