Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

8 settembre 2018

Mi’ padre me diceva – A. Fabrizi

Mi’ padre me diceva

***

Mi’ padre me diceva: fa’ attenzione

a chi chiacchiera troppo; a chi promette;

a chi, dop’èsse entrato, fa: “permette?”;

a chi aribbarta spesso l’oppignone.

***

E a quello co la testa da cojone,

che nu’ la cambia mai; a chi scommette;

a chi le mano nu’ le strigne strette;

a quello che pìa ar volo ‘gni occasione …

***

… pe dì de sì e offrisse come amico;

a chi te dice sempre: “so’ d’accordo”;

a chi s’atteggia com’er più ber fico.

***

A chi parla e se move sottotraccia;

ma soprattutto a quello, er più balordo,

che, quanno parla, nun te guarda in faccia.

***

Aldo Fabrizi

__________________

***

  1. non verità più vera di questa

    Comment by Elvio — 2 settembre 2017 @ 19:55
  2. Mi’ padre me diceva: fa’ attenzione
    a chi chiacchiera troppo; a chi promette;
    a chi, dop’èsse entrato, fa: “permette?”;
    a chi aribbarta spesso l’oppignone. … (continua)

    Comment by Stefano — 8 settembre 2018 @ 06:03

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>