Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

27 Novembre 2012

L’invidia

L’invidia

***

L’invidia brutta bestia dice er detto,

te fa passà la vita a fà li conti,

de quanto ciànno l’artri e t’aricconti

che stanno sempre mejo in de ‘gni aspetto.

***

E rosicanno, nun concedi sconti

a chi te trovi in fronte, dirimpetto,

che cià più bucio e basta, pe verdetto

   de Chi ha creato cèlo, mari e monti.

***

Fortuna, sòrdi, nobbirtà, lavoro,

vestiti, casa, machine, giojelli,

tu passi er tempo a dì: “Beati loro…

***

ciavessi io ‘na vita come quelli …”

che vedi tutti navigà ne l’oro,

ma quello che ciài tu, poi, lo cancelli.

***

Stefano Agostino

________________________

  1. Mirabilmente descritto da te questo vile sentimento!
    A proposito dell’argomento, c’è un camion che passa spesso in zona mia con dietro una grande scritta in pieno stile anni settanta: L’INVIDIA E’ LA FORZA DEI CORNUTI!

    Comment by Silvio — 27 Novembre 2012 @ 09:28
  2. Si tengheno lo sòrdi guadambiati bene, chi se ne frega: “gente onesta er ciel l’aiuta”; però ‘na certa acredine verso chi li tie’ rubanno c’ha da esse’.

    Comment by 'svardo — 27 Novembre 2012 @ 09:39
  3. Penso che l’invidia sia il peggiore dei 7 vizi capitali: non ti fa godere niente di quello che hai. Per fortuna è una cosa che non mi appartiene.

    Comment by letizia — 27 Novembre 2012 @ 11:35
  4. BRAVO!!

    Comment by Elio Malloni — 27 Novembre 2012 @ 12:25
  5. Anvedi l’invidia…
    7 vizi capitali?
    Ciavessi 7 capitali, sai li vizi, sai l’invidia!

    Caro ‘svardo, di fronte a quelli che hanno tanto in maniera disonesta, me verrebbe ‘n artro dei 7 vizi: l’ACCI…loro!

    Comment by Luis — 27 Novembre 2012 @ 19:41
  6. … Circa la NOSTRA ROMA, 2 cose:

    1. Ieri a tarda sera hanno fatto vedere la Parabola di AGOSTINO DI BARTOLOMEI nel programma “Sfide”, bellissima ricostruzione, da lacrime all’occhi: il filo conduttore, dall’inizio alla fine, è stato il Suo attaccamento alla maglia. Troppe troppe troppe volte ci dimentichiamo del GRANDE AGO e di come invece sia stato scaricato!

    2. TEMO che DDR ce lo invidino troppo troppo troppo, troppe sirene, troppa insofferenza, nessuna chiarezza.

    La sintesi? Abbiamo un Passato (AGO), un Presente (Checco) ma per il Futuro? SEMPRE-E-SOLO-LA-ROMA !!!

    Comment by Luis — 27 Novembre 2012 @ 20:02

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>