Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

5 Dicembre 2012

Detti popolari: frattaje pe mici

Detti popolari: frattaje pe mici

***

Nun ce provà, accanna, dacce un tajo,

e lassa perde, dài su, molla l’osso,

nun te immischià, scanzete da dosso,

levete un po’ e porta via er bagajo.

***

Sò espressioni e qui me spiego, posso?,

quann’er romano avverte che c’è un guajo,

ch’è mejo evità, basta usà un pajo

d’accorgimenti da bollino rosso.

***

Ché nun conviè più intigne, anche si è triste,

restà a la larga e nun dà poi da matti,

in cerca de chissà mai quali piste.

***

Perciò senza discute e né fà scatti,

si nun è aria, molla e nun insiste,

si tanto nun ce sta trippa pe gatti.

***

Stefano Agostino

___________________________

  1. Si, mejo evita’ de compromettese; dunque? Lassamo perde’ e nun t’arabbia’ ché ce potemo arimette tutt’e due o quanti semo.
    Me da penziero er caso DDR: perché nun lo dicheno chiaramente ch’hanno da fa’ cassa? Invece de fa’ appari’ ingrato uno ch’è attaccato a la maja come solo Totti? Certo che, se lo tratti a pesci ‘n faccia, poi lui preferisce anna’ da ‘n’antrs parte, ma nun sarà mai un traditore. Se fosse stato ‘n traditore nun avrebbe rinnovato e avrebbe lasciato la ASRoma come “don farcuccio”: co’ ‘na mano davanti e ‘n’antra de dietro.
    Se vojo fa’ ‘n regalo lo faccio quanno capita nun aspetto Natale, Capodanno e Epifania. Farlo p’aricambianne ‘n’ntro nun è ‘n regalo: è ‘na restituzione. Invece un regalo ha da esse’ spontaneo. S’arisparambierebbe tanto e se sarebbe meno ossessionati.

    Comment by 'svardo — 5 Dicembre 2012 @ 09:27
  2. Basta un po’ di buon senso per capire quando non è aria, quando è meglio evitare, girare alla larga, non insistere o non immischiarsi. Situazione da capire al volo, senza troppe parole…

    Comment by Silvio — 5 Dicembre 2012 @ 09:56
  3. Oggi il pensiero del giorno si adatta bene al sonetto: ai vari murigno, ancelotti, commentatori radiofonici, lanzieli direi: spiace, se cercate DDR nun ce sta trippa pe gatti.
    In particolare, le radio a Roma sono davvero meretrici, pe esse boni. Zeman ha più volte affermato che lui vede DDR e Bradley in alternativa, ma che ovviamente DDR è più bravo. E le radio che fanno? Montano un facite ammuina e si attaccano ad una frase nel dopo Siena, in cui a domanda Zeman risponde che non è certo che DDR giochi la prossima (e quando mai, che dai la formazione una settimana prima?) e si scatena l’inferno dal nulla. E qualche tifoso ce casca pure. Ma che vergogna.

    Comment by Pablo BigHorn — 5 Dicembre 2012 @ 10:38
  4. Come a dire: facciamoce li casi nostri!
    Quanto a DDR mi dispiacerebbe tanto se andasse via, lui è Romano e Romanista, mannaggia la banca maledetta.

    Comment by letizia — 5 Dicembre 2012 @ 10:41
  5. Ciao Stefano hai riassunto il nostro modo di essere:essenziali!ahahah ecomplimenti come sempre per la tua vena artistica….

    Comment by enrica — 5 Dicembre 2012 @ 14:51
  6. A proposito di trippa, perchè non organizziamo una cena prenatalizia, magari in un posto DI MIA FIDUCIA?

    Comment by Principessa — 5 Dicembre 2012 @ 21:49

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>