Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

12 Dicembre 2012

12.12.12

12.12.12*

**

1 + 2 uguale 3. Perfetto.

Ch’è somma da rifà pe ben tre vorte,

si giorno, mese e anno, come a sorte,

sò usciti in “slot-mascin” a tris coretto.

 ***

È er dodici che viè a aprì le porte,

come pe schiude sogni a un cassetto,

se triplica pe dà maggior effetto

de eco e ridonnanza anche più forte.

 ***

Dodici infatti sò li mesi a l’anno,

le ore e le dozzine a prezzi modici,

l’Apostoli e le Porte, sacro scanno.

 ***

Le Tavole de legge e de li Codici,

le faticacce d’Ercole e qui accanno

le Tribbù d’Israele, Lassù in dodici.

***

Stefano Agostino

_______________________ 

  1. mitico!!!!

    Comment di nicoletta — 12 Dicembre 2012 @ 12:37
  2. Sei davvero formidabile e non riesco a capire come fai a trovare le parole giuste per scrivere tante analogie.

    Comment di Carlo Pighi — 12 Dicembre 2012 @ 12:54
  3. Splendido sonetto, Stè… ‘ndo dici, dici sempre bene!

    Comment di Luis — 12 Dicembre 2012 @ 13:43
  4. … ‘na vorta ereno 12 puro li juventini in campo (arbitro compreso) mò, però, co le nòve regole, sò deppiù …

    Comment di Elio Malloni — 12 Dicembre 2012 @ 13:53
  5. E’ come un allineamento di pianeti, tutti in fila in simmetria perfetta, un cerchio che si si chiude, un algoritmo compiuto, una sequenza enigmatica e periodica, insomma un evento irripetibile!

    Comment di Silvio — 12 Dicembre 2012 @ 14:36
  6. Uno e Due pe mano ‘n fila pe tre,
    `n tris de primi quasi d’avvento
    e solo tra cent’anni n’artro evento,
    nova generazione ner frammentre.

    So` dodici sti tris ,mica so` cento
    e solo si scavalli er secolo li vedi,
    te porteno fortuna si nun ce credi,
    oppure catastrofi che n’commento.

    A me piace penza`na simmetria,
    de numeri che se danno a mano
    e che t’accompagneno pian piano,
    ner secolo,che er vecchio e`ito via!

    Sicuro nu me sembra ‘n giorno strano,
    ma l’urtimo de coda a ’n calendario,
    me chiedo che ce sara` poi ner diario,
    de quello che vivra`ner secolo lontano?

    Comment di cicalo73 — 12 Dicembre 2012 @ 15:54
  7. Meravijoso er sonetto de Stefano ner conta’ li dodici come l’ore de mezza giornata.
    Applausi pure ar la nòvo entrato ner blogghe, c’è entrato a piedi pari, guasi de prepotenza co’ 4 quartine lisce lisce, e brqavo er “cicalo73” aspettanno l’arivi de ‘na “formica”.

    Comment di RomamoR AsR'929 — 12 Dicembre 2012 @ 18:40
  8. @ RomamoR AsR’929 , ti ringrazio! In verita’ sono un grandissimo appassionato dei sonetti di Stefano e sto` cercando di imparare.La formica arrivera` Ahh Ahhh!

    Comment di cicalo73 — 13 Dicembre 2012 @ 08:24
  9. Grazie a tutti e benvenuto cicalo’

    Comment di Stefano — 13 Dicembre 2012 @ 09:16
  10. un onore per me seguire questo sito 🙂

    Comment di cicalo73 — 13 Dicembre 2012 @ 10:15
  11. Ma questo sonetto è davvero mitico! A Ste’ sei proprio grande.

    Comment di letizia — 13 Dicembre 2012 @ 11:34

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>