Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

17 Dicembre 2012

La 500

La 500

*****

Cinquino, mezzo sacco, cinque piotte,

ma quanti nomi pe ‘na cinquecento,

un pezzo d’arte da rinascimento,

de tutto er panorama la mascotte.

 ***

Nun fu ‘na machina, lei fu un portento,

che nun conobbe mai tramonto o notte,

giojello da mannà co l’ossa rotte

li machinoni d’oggi e der momento.

 ***

Famosa pe la linea topolino,

e pe l’innesto marcia a debbrajata

e l’apertura inverza ar portellino.

***

 La più caruccia  e sì, la più imitata,

ne li ricordi mia da regazzino,

la prima, bianca, che ciànno arubbata.

***

Stefano Agostino

______________________________

  1. Bella er “cinque piotte” ch’ancora ruzzola pe le strade der monno. La machinetta de la ripresa ‘ndustriale der dopo guera: programma de motorizzazzione collettiva, assieme a le “Vespa” e “Lambretta”. Artri tempi: c’era lavoro, abbastava avecce voja de lavorà. Incominciaveno a ave’ corpo li sogni de ‘na casa e de ‘na famija co li fiji. Oggi ‘nvece, hanno arovinato tutto, c’hanno lasciato solo le ……… tasse e de nòvo …. le toppe ar c..o.

    Comment di 'svardo — 17 Dicembre 2012 @ 10:15
  2. Straordinaria, cara storica 500: semplicemente leggendaria!!!

    Comment di Silvio — 17 Dicembre 2012 @ 10:23
  3. Però, se penso che l’ha costruita la fiat…lassamo perde

    Comment di letizia — 18 Dicembre 2012 @ 09:45

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>