Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

22 Dicembre 2012

22.12.12

22.12.12

****

Nun me la pijo certo co li Maya,

p’avé toppato ar gong la previsione,

de ‘sto pianeta Tera in collisione

co un asteroide in pieno che lo sdraja.

***

Io me la pijo solo cor buffone,

ch’ha messo in giro pe magnà, canaja,

‘st’ennesima sparata de mitraja

e chi j’è annato appresso, ber cojone.

***

Fine der monno? Come no. Ma è certa!

Er calendario Maya è tipo un mulo

che tira l’anni ar monno e nun dà scerta.

***

E je direbbe adesso: “Nun t’adulo,

tanato da ‘na verità scoperta,

‘sta Tera e viva, pijatelanderculo!”

***

Stefano Agostino

________________________________

  1. I Maya avevano solo chiuso un cerchio, ma si sa, tutto è buono per guadagnarci. A noi ci interessa solo la ASROMA. e, pertanto FORZA ROMA e speriamo che gli arbitri (zozzoni) stasera non ce la impicchino. Buona giornata a tutti.

    Comment di letizia — 22 Dicembre 2012 @ 10:40
  2. Dice che nun è mai troppo tardi e allora? Bona serata a tutti e associannome a “princesse”, lancio un gigantesco FOOORZAAA ROOOMAAA!!!! ……….. ABBASSO TUTTI L’ARBITRI ONZI ALLA BERGONZI.

    Comment di 'svardo — 22 Dicembre 2012 @ 19:32

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>