Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

2 Gennaio 2013

Due de gennaio

Due de gennaio

***

Due de gennaio, stai smartenno ancora,

li postumi da “notte der trentuno”,

rincojonito, come mai nessuno,

scambianno ormai er tramonto co l’aurora.

***

Te senti più lontano de Nettuno

da tutto quer che gira e che lavora,

er monno intorno viaggia a cento a l’ora.

e tu nun sei nimmanco a quota uno?

***

“Mó me ripijo” – provi a ditte, incerto,

ma nun c’è manco un muscolo in azzione,

che te conceda un credito scoperto.

***

Co che fa rima, nun me viè, “Vejone” ?

Nun vojo stamme a scervellà de certo,

la vojo lassà a l’immagginazzione.

***

Stefano Agostino

___________________________  

  1. Buondì, buon mese e buon anno a tutti! Beh effettivamente oggi rimettere in moto corpo, mente e animo per tornare operativo dopo una parentesi in “modalità torpore/apatìa” è stata un’operazione un bel po’ faticosa eheheh…!

    Comment by Silvio — 2 Gennaio 2013 @ 10:06
  2. Buongiorno! Siamo tutti svegli ed attivi,anche se abbiamo perso una notte di sonno, ma il veglione è il veglione!

    Comment by letizia — 2 Gennaio 2013 @ 12:18
  3. So’ fenite le feste co li botti. Se ‘ncomicia a penza’ ar proseguio de st’anno abbastanza incerto, speranno che a la fine chiuda mejio der 2012.
    Sto Mercoledì potrebbe assomija a ‘n Lunedì, ma pesa de più perché nun s’è fatto ‘n tempo a assorbi’ la ripresa de Lunedì che subbito, la sera e la notte, s’è gozzovijato e nun è bastato un giorno de riposo p’aripiasse.
    Daje che mo ariva la Befana che ch’arigala, a li romanisti, ‘na bella vittoria a Napoli, così er prossimo Lunedì sarà più leggero.
    Daje Roma daje.

    Comment by 'svardo — 2 Gennaio 2013 @ 12:27

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>