Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

7 Gennaio 2013

7 gennaio 2013

7 gennaio 2013

***

Er lunedì de suo è nato storto,

ma quanno poi ch’è sette de gennaio,

più che semplicemente triste, è un guajo

de quelli che comunque va ciài torto.

***

Ma si ce aggiungi a alimentà er vespajo

la Roma che va a perde, allora è aborto

de ’gni penziero positivo, sciorto

come ciò che sta dentro ar letamaio.

***

Ma tocca fasse presto ’na raggione

dopo ’sta sveja e dopo ’sto gran botto:

che è lo stà a metà de la staggione.

***

E mó che s’è pagato er grosso scotto

der 4-1 la consolazzione

è che domani è un artro giorno: è otto!

***

Stefano Agostino

_______________________

  1. …ci penserò domani, dopotutto domani è un altro giorno…Non è così forse?

    Comment di letizia — 7 Gennaio 2013 @ 17:12
  2. Bene così: ‘na pietra sopra er tempo passato e guardamo ar domani. De sicuro sorgerà ancora er Sole.
    Daje, nun famo l’avviliti. In fonno nun è succsso gniente, sempre 5 squadre ce stanno avanti: tutto uguale come prima, pure li punti.

    Comment di 'svardo — 7 Gennaio 2013 @ 17:20

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>