Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Poesie romanesche

26 Gennaio 2013

Trilussa – La riconoscenza de li posteri

La riconoscenza de li posteri

***

Una vorta, per un caso / drento a l’orto d’un amico,

fu trovato un busto antico / d’un pupazzo senza naso,

co li boccoli de marmo / e una barba lunga un parmo.

***

Da le rughe der penziero / che j’increspeno la fronte,

ce se vedeno l’impronte / d’un filosofo davero;

ma chi diavolo sarà? / Ch’avrà fatto? Chi lo sa?

***

Sur davanti, veramente, / c’è er cognome scritto sotto:

ma, siccome è mezzo rotto, / se distingue poco o gnente

 e se legge tutt’ar più / ch’era Stefano der Q…

***

Come mai fu sotterato / fra li cavoli de l’orto?

Quann’è nato? Quann’è morto? / Ch’ha scoperto? Ch’ha inventato?

Li spaghetti o la cambiale? Fece bene o fece male?

***

Fu chiamato un antiquario: / “Questo” – disse – “è un mezzo busto,

fatto male, senza gusto / e d’un genere ordinario,

vale poco, sia che sia / è una vera porcheria!”

***

E fu messo in un cantone / come fosse un muricciolo,

deve spesso c’è un cagnolo / che pe fà quela funzione

forma un arco con la cianca / su la bella barba bianca.

***

Trilussa

________________

  1. Vojo penza’ che p’aveje fatto er “mezzo busto”, aveva da esse’ quarcuno ner “Q”uartiere.
    CMQ ce sta sempre ‘n “cagnolo” che je lava la faccia.

    Comment by 'svardoASR'29 — 26 Gennaio 2013 @ 09:40
  2. Speramo che domani nun ce se rintorzì er pranzo.
    Sempre Forza Roma.

    Comment by 'svardoASR'29 — 26 Gennaio 2013 @ 09:41
  3. Sic transit gloria mundi!
    SEMPRE FORZA ROMA.

    Comment by letizia — 26 Gennaio 2013 @ 11:55

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>