Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

17 Luglio 2018

‘Na pentolaccia piena de facioli

’Na pentolaccia piena de facioli

***

Stai sempre a lamentatte pe ’gni cosa,

’na pentolaccia piena de facioli,

te fai venì così li fantioli,

nun c’è ‘na cosa che tu vedi rosa.

***

Te vai a cercà da te li cetrioli

che cascheno in saccoccia a secchi e a iosa,

più a te che a l’ortolano de famosa

battuta popolare de ’sti sòli.

***

Nun te sta bene gnente de ’sto monno

ciài da ridì su tutto dar matino,

quanno te sveji, a sera avanti er sonno.

***

E nun ce penzi a chi te sta vicino

che mentre tu protesti a ’gni seconno

cià già du’ palle a sfere da indovino.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. Stai sempre a lamentatte pe ’gni cosa,
    ’na pentolaccia piena de facioli,
    te fai venì così li fantioli,
    nun c’è ‘na cosa che tu vedi rosa. … (continua)

    Comment by Stefano — 17 Luglio 2018 @ 05:42
  2. Boni li facioli co’ ‘e cotiche. Come ‘a coda; ereno piatti da poracci e mo so’ diventati d’arta gastronomia.

    Comment by 'svardo — 17 Luglio 2018 @ 07:40
  3. De gente che se sta sempre a lamentà sémo circondati ogni giorno, sò quelli che ce l’hanno tutti co’ loro, quelli che ce fosse mai ‘na vorta che je dice bene, quelli che tanto nun c’è gnente da fà, quelli che mai ‘na gioia…

    Comment by Silvio — 17 Luglio 2018 @ 09:02
  4. Sivio, hai fatto la foto di uno che mi sta abbastanza vicino ed è veramente insopportabile!
    Buona Giornata

    Comment by maria letizia — 17 Luglio 2018 @ 10:32

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>