Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

11 Ottobre 2016

Ma chi te credi d’èsse

Ma chi te credi d’èsse

***

A chi se penza d’èsse superiore,

a chi se crede un dio onipotente,

a chi mejo de lui nun ce sta gnente,

a chi s’atteggia a fà er più gran signore, …

***

…. a chi se guarda tutta l’artra gente,

da l’arto in basso, lui ch’è er più mijore,

a chi, manco je sfiora mai er sentore

de stà ner torto marcio ricorente, …

***

 … je vojo dedicà quarche verzetto

de còre, senza veli, né ritegno,

ner modo mio più solito: er sonetto.

***

Te credi d’èsse l’unico ch’è degno,

  ma ar massimo commanni ar gabbinetto,

sur cesso a fà da trono in der tuo regno.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. Stefano, sei come il vino…piu’ invecchi piu’ migliori!
    Bellissimo sonetto 🙂

    Comment by stefania de angelis — 22 Febbraio 2013 @ 09:41
  2. Buongiorno a tutti!
    Bellissimo il sonetto di oggi: parole sante Ste’, hai una fantasia straripante, ma come fai!

    Comment by letizia — 22 Febbraio 2013 @ 10:12
  3. Letizia e Stefania, grazie.

    Comment by Stefano — 22 Febbraio 2013 @ 11:36
  4. Come se chiamaa Roma un tipo come questo?
    Ah, si, “Rodomonte co le croste ar c..o”
    S’ho ‘na banda de gradassi, pieni de boria; se ò er classico: “lei nun sa chi sono io!!! Si, è propio da risponneje: ‘sto ca.so.
    Hai azzeccato ‘n’antro tipo d’umanità abbietta. Le Camere parlamentari e artri siti pubbrici ne so’ pieni. Daje Domenica e Lunedì cercamo de fa’ ‘na bella pulizzia.

    Comment by 'svardoASR'29 — 22 Febbraio 2013 @ 14:00
  5. Lo spaccone, il saccente, il presuntuoso, l’arrogante, er mejo fico der bigonzo… de ‘sta gente ce n’è a vagonate in giro, quando impareranno un po’ di umiltà sarà sempre troppo tardi!

    Comment by Silvio — 22 Febbraio 2013 @ 22:27
  6. A chi se penza d’èsse superiore,
    a chi se crede un dio onippotente,
    a chi mejo de lui nun ce sta gnente,
    a chi s’atteggia a fà er più gran signore, … (continua)

    Comment by Stefano — 10 Ottobre 2016 @ 18:24
  7. Hahahaha giustoooooo, quello è il trono che si merita certa gente!

    Comment by laura — 11 Ottobre 2016 @ 08:13
  8. Giusto sulla tazza del cesso può comandare uno così! e molti li conosciamo bene: stanno al governo dell’Italia!
    Buona Giornata!

    Comment by letizia — 11 Ottobre 2016 @ 10:32
  9. Bon pranzo. Ber sonetto che spiega e giustifica er perché sto stivale è ……….. ‘n CESSO!!!!

    Comment by 'svardo AsR'29 — 11 Ottobre 2016 @ 13:05

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>