Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

2 Marzo 2013

Er primo pasto

Er primo pasto

***

Quanno mi madre me staccò dar petto
e me se presentò cor semmolino,
buttai per aria tazza e cucchiarino
creando er primo caso de “riggetto”.
***
Ormai non me sentivo più pupetto,
pe via ch’avevo messo già un dentino,
provò a ridamme er latte… genuino,
ma protestai co  un mini mozzichetto.
***
Lei fece un urlo senza intenne er dramma,
ma come la potevo contestà
si ancora nun dicevo manco mamma?
***
Mi padre disse: “Soffre de nervetti”.
E quieto quieto cominciò a magnà
un’inzalatiera piena de spaghetti.

***

Aldo Fabrizi

___________________________

  1. Certo che er grande Fabrizi nun ce scherzava co l’argomento de la pappata; m’aricordo la macchietta de “Lo sciatore” andove nun mancava “lo sfilatino co le patate a tocchetti” e…… “stizzitticisi”.

    Comment di 'svardoASR'29 — 2 Marzo 2013 @ 15:27
  2. Aldo Fabrizi è un mito!

    Comment di letizia — 2 Marzo 2013 @ 17:14

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>