Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

La Roma in rima,Poesie romaniste

7 Marzo 2013

Ner mezzo der cammin

Ner mezzo der cammin

***

Ner mezzo der cammin de nostra vita,

m’aritrovai pe ‘na gran serva oscura,

‘na puzza de caciotta infinita,

davanti a me la sede biancazzura.

***

Nun m’aricordo mica com’è ita,

ma avoja a riccontalla si era dura,

cercavo, che ne so, ‘na via d’uscita,

tra stalle e vacche de varia misura.

***

Nun c’è riparo, nun c’è nascondijo

da un mulo, un bove e un’aquila imperiale,

nun me doveva assiste qua Virgijo?

***

Ma sento un sòno guasi celestiale,

che è? È la sveja e lento m’aripijo,

da ‘st’incubo de vive da lazziale.

***

Stefano Agostino 

***

  1. Bona giornata a Stefano, a tutti e a …….TOTTI.
    A Ste’, pe fatte sveja alegro er lunedì te ce vorebbero ‘sti sogni da incubo.
    Dato ce sento strane voci in giro, nun sarei tanto sicuro che nun se venneno Lamela pe resta’ co ‘na pera.

    Comment di 'svardoASR'29 — 7 Marzo 2013 @ 08:46
  2. Er girone dei lazziali pare sia uno dei peggiori, ma quarcuno de ‘sti poveretti sembra sia stato visto anche in quello degli intertristi…

    Comment di Silvio — 7 Marzo 2013 @ 10:06
  3. Buongiorno a tutti e a TOTTI!AHAHAHAHAH… mammamia, che incubo! Fantastico sonetto

    Comment di letizia — 7 Marzo 2013 @ 10:31
  4. Eh, noi li prendiamo per il c… volevo dire per i fondelli, e intanto loro ci stanno avanti in classifica da più di due anni e gli ultimi derby sono stati una sofferenza. Insopportabile. Caciotte o no, hanno trovato un allenatore che li mette bene in campo, e culo o no, ottengono risultati e giocano in Europa. Allòa faccia nostra

    Comment di Pablo BigHorn — 7 Marzo 2013 @ 19:08

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>