Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

11 Marzo 2013

Er conclave

Er conclave

***

È arivato er tempo der conclave,

ch’è la riugnone de li porporati,

pe sceje er novo Papa, sò chiamati

a chiudese da soli, appunto, a chiave.

***

Se elegge co scrutigni cadenzati,

fatti in segreto sotto a l’architrave

de la Sistina, er Papa che co un “Ave”

s’affaccia a benedì li battezzati.

***

La Cappella Sistina insopr’ar tetto

cià quer comignolo che invece manca,

ner tempo in cui c’è er Sojo che viè retto.

***

Che serve p’avvisà a destra e a manca

che “Habemus Papam” quanno che viè eletto

si finarmente c’è “fumata bianca”.

***

Stefano Agostino

__________________________

  1. Montella ha colpito ancora! Bello il pensiero del giorno! Chissà che combinano i cardinali…

    Comment di letizia — 11 Marzo 2013 @ 10:43
  2. La Roma zoppica, ma le altre fanno anche peggio, ennesima occasione sfumata per la rimonta al terzo posto, oggi più che mai improbabile… Il nuovo Papa avrà il suo bel da fare per operare una profonda pulizia all’interno della curia e ridare un po’ di credibilità alla Chiesa Romana!

    Comment di Silvio — 11 Marzo 2013 @ 14:10
  3. Bon pomeriggio. Dico solo che è ‘n fatto cronico: nun s’ariesce mai a approfitta’ de li passi farzi de l’antre. Raro che s’ariesce a vince co un golle, se dovemo sempre fa’ rimonta’ e poi soffri’ pe regge er pareggio. ADDRIZZATE LI PIEDI!!!
    M’ho da scorda’ ‘a Fiorentina, sinnò moro d’invidia pe Montella.
    Domani, li Cardinali (che nun so’ li 4 punti principali de la “Rosa dei venti”), se chiudeno a chiave pe conclude er mercato de li voti, tale quale ar nostro Parlamento.

    Comment di RomamoR AsR'929 — 11 Marzo 2013 @ 14:25
  4. Pe te che nun t’ho mai conosciuto de persona
    Pe te che hai vissuta na vita appresso a ‘na bandiers.
    Pe te che quanno hai iniziato c’erano solo du colori
    in mezzo a un campo infangato, ma non privo d’emozioni
    non se parlava de vittorie, ne de coppe ne de scudetto
    eppure stavi li…cor core fori dar petto !
    E ora che pe noi er futuro è meno incerto…
    Te, te ne sei annato…
    sciarpetta ar collo e bandiera controvento
    Ma ricordateve tutti…
    che po’ mori l’omo coi suoi guai…
    Er tifoso Romanista…dentro de noi
    Nun more mai !

    CIAO SECCO

    Comment di roberto genesis — 11 Marzo 2013 @ 15:28
  5. Ciao a tutti….la poesia qui sopra è un toccante ricordo di un tifoso Romansita di nome Andrea.

    R.I.P. Maurizio

    Comment di roberto genesis — 11 Marzo 2013 @ 15:30
  6. Grazie Genesis per aver condiviso questa poesia e grazie a tutti per gli interventi, come sempre graditi.

    Comment di Stefano — 11 Marzo 2013 @ 15:49
  7. Bell’omaggio al Romanista scomparso, in particolare er pezzo che me pare de rivive:
    “non se parlava de vittorie, ne de coppe ne de scudetto
    eppure stavi li…cor core fori dar petto !”
    M’associo ar …. CIAO SECCO.

    Comment di RomamoR AsR'929 — 11 Marzo 2013 @ 17:32
  8. Nun vojo sembrà irriverente o blasfemo…
    Anche perchè ‘sta riunione me sembra assai pacifica e democratica (?)…
    Ma ner medioevo fino ar ‘500 li Papi veniveno scelti perlopiù dalle famije patrizie de Roma e dintorni (Colonna, Orsini, ecc…)
    E capitava che la scelta veniva fatta dopo lotte intestine molto cruente… Quantomeno se lottava con Pietre e molto spesso Con Bastoni…
    Nun sarà per questo che se chiama… Con Clave?

    Comment di Luis — 11 Marzo 2013 @ 22:02
  9. Terribbile Luis …….. ‘gni vòrta che posti te ‘n’esci co quarche freddura. DAJE ROMA DAJE

    Comment di RomamoR AsR'929 — 11 Marzo 2013 @ 23:26

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>