Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

13 Marzo 2016

Dar Vangelo der giorno: “l’adurtera”

Dar Vangelo der giorno: “l’adurtera”

***

L’adurtera in fragranza fu portata

da scribbi e farisei innanzi ar Maestro,

je dissero: “Mosè, dar granne estro,

ce inzegnò che una così è marchiata.

 ***

Ché co li serci, come a fà canestro,

pubbricamente pe quel’infamata,

senza pietà ha da èsse lapidata,

mó dicce si dovemo armacce er destro”.

***

Gesù, dapprima nun j’arisponneva,

nun li guardava, manco un po’ de sguercio,

co un dito, chino a tera, Lui scriveva.

 ***

Ma a l’inzistenza de quer monno lercio:

“Chi è senza ‘gni peccato, faccia leva,

cor braccio” – disse – “e  mó je scaji un sercio!”

***

E a ‘ste parole nessuno poteva

tirà più er sasso e fà un mezzo bercio,

“Donna, nun te condanno” … je diceva.  

***

Stefano Agostino

_____________________

  1. Bellissimo!
    Cosa scriveva Gesù? Forse, i peccati dei “giudici” ? Come si fa presto a condannare…

    Comment by letizia — 17 Marzo 2013 @ 09:32
  2. Molto da riflettere su questo passo del Vangelo che ricorda la frase: “Chi è senza peccato scagli la prima pietra”.
    Rapportandolo ai nostri giorni, circondati come siamo da ruberie e malaffare di chi deve giudicare o guidare il paese, penso che, prendendolo alla lettera, nessuno sia in grado di estirpare le malipiante di mafia, corruzione e soprusi varì.

    Comment by 'svardoASR'29 — 17 Marzo 2013 @ 09:48
  3. L’adurtera in fragranza fu portata
    da scribbi e farisei innanzi ar Maestro,
    je dissero: “Mosè, dar granne estro,
    ce inzegnò che una così è marchiata. … (continua)

    Comment by Stefano — 13 Marzo 2016 @ 07:54
  4. Bongiorno. “Donna nun te condanno” … e aggiunse: “Vai e nun pecca’ più”. Ma noi, poco fedeli, peccamo ancora, certi ch’alla fine un semprice pentimento, ce farà ottene’ er perdono.
    Ho sentito di’ che Papa Giovanni Paolo II° ha eliminato er Purgatorio. Perciò o se va direttamenbte ‘n Paradiso, oppure subbito giù …. ar fòco eterno.

    Comment by 'svardo AsR '929 — 13 Marzo 2016 @ 13:19
  5. P.S.: Forse è pe’ questo che ‘a Tera se sta a riscalla’. Se prepara pe er Giudizzio Univerzale.

    Comment by 'svardo AsR '929 — 13 Marzo 2016 @ 13:21
  6. Bellissimo Vangelo: il nostro Dio Misericordioso ci perdona sempre, siamo noi che non perdoniamo mai!
    Buona Domenica!

    Comment by letizia — 13 Marzo 2016 @ 15:55

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>