Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

25 Marzo 2013

In tempo, in tempo

In tempo, in tempo

***

Te invidio sai, amico, come fai

a arivà sempre a l’urtimo minuto,

l’attimo prima der tempo scaduto,

pare cronometrato e ce lo sai.

***

Ciài come un orologgio sconosciuto

de quelli che nun se sò visti mai,

che te fa certo che tu ariverai

dovunque dentro er tempo convenuto.

***

Nessuno te pò dì che sei in ritardo,

anzi pòi dì tu d’èsse er più preciso,

so l’artri a stà in anticipo .. gajardo.

***

Chissà si pure quanno a l’improvviso

sarà d’arivà in fonno a quer traguardo,

farai così perzino in Paradiso?

***

Stefano Agostino

________________________

  1. Buongiorno a tutti.
    Bello! Io conosco una persona così, e me fa venì i patemi d’animo, sempre sul filo del rasoio e pensare che io sono esattamente il contrario!

    Comment by letizia — 25 Marzo 2013 @ 08:52
  2. Er massimo è arivà co’ un po’ d’anticipo, senz’affanni nè apprensioni. Ma anche all’urtimo va bene, giusto giusto, pelo pelo, risicato, co’ un po’ d’ansia e d’inquietudine ma alla fine puntuale. Sempre mejo ch’arivà in ritardo, quando c’è fisso chi aspetta e sbuffa, incazzato e nervoso!

    Comment by Silvio — 25 Marzo 2013 @ 09:53
  3. Coff, coff, coff, ammazza che corsa, uff, uff, uff, meno male aoh, so’ arivato ‘n tempo ‘ ‘n tempo, orario spaccato, off, off, off, che d’è? Er capo ancora nun è arivato? ‘sta vòrta mettemo la murta a lui. Si vabbè, ma prima famme aripja fiato.

    Comment by 'svardoASR'29 — 25 Marzo 2013 @ 17:45

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>