Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

3 Aprile 2013

Ciao Califfo

Ciao Califfo

***

Te ne sei ito via, malanno boja,

co un’aria che sortanto che la sniffo,

(sto a parlà d’aria, nun fà lo sceriffo)

lassa l’amaro in bocca e poca voja.

***

Ché pure er cèlo pare dì: “Lo griffo,

senza de te, adesso, er resto  è noja,

no, nun ho detto certo mica gioja,

pur’io sto a piagne qui pe te, Califfo.

***

Er cantastorie de la pora gente,

romano più de còre e d’adozzione,

‘na voce sola, inconfonnibbirmente.

***

Più d’artre m’aricorda come sei,

perché parla de Roma la canzone,

la nevicata der cinquantasei.

***

Stefano Agostino

_____________________

  1. Se ne va un pezzo di storia de ‘sta città! Un uomo dallo stile inconfondibile, stradarolo, mondano, geniale, sincero: pieno di difetti ma uomo vero!

    Comment di Silvio — 3 Aprile 2013 @ 09:20
  2. L ‘ultimo amico va via… Ciao Califfo, hai scritto musiche che ci hanno emozionato, R.i.P.

    Comment di letizia — 3 Aprile 2013 @ 11:30
  3. Mi piace come lo ha descritto Silvio e il sonetto è da commozione. Commentare oltre è impossibile.

    Comment di 'svardoASR'29 — 3 Aprile 2013 @ 13:00
  4. Il semplice saluto di Letizia è dolcemente mesto.

    Comment di 'svardoASR'29 — 3 Aprile 2013 @ 13:03

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>