Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

3 luglio 2018

Quanti de noi sò come San Tommaso

Quanti de noi sò come San Tommaso

***

Quanti de noi sò come San Tommaso,

ner senzo che pe crede veramente,

lo hanno da vedé, sinnò pe gnente,

nun s’accontenteno d’annacce a naso.

***

Sò tanti quelli che, solo de mente,

raggioneno, ma senza facce caso,

ar fatto che si è un omo e no un travaso

un omo cià quarcosa trascennente.

***

Cià sentimenti e prova senzazzioni,

cià spiritualità, còre e coscènza,

cià turbamenti, sogni e cià passioni.

***

Negà la fede, pe un fatto de scènza,

vòr dì negà nun solo l’emozzioni,

ma de l’umanità stuprà l’essenza.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Quanti de noi sò come San Tommaso,
    ner senzo che pe crede veramente,
    lo hanno da vedé, sinnò pe gnente,
    nun s’accontenteno d’annacce a naso. … (continua)

    Comment by Stefano — 3 luglio 2018 @ 00:21
  2. «Perché mi hai veduto, hai creduto: beati quelli che pur non avendo visto crederanno!» Anche noi, di fronte a cose orribili, siamo come S. Tommaso?
    Buona Giornata!

    Comment by maria letizia — 3 luglio 2018 @ 08:43
  3. Un atto di fede va oltre la scienza e oltre ogni umana conoscenza. Cercare solo spiegazioni scientifiche alla creazione, alla vita e alla morte restringe la realtà solo al mondo tangibile, visibile e percepibile all’attuale progresso umano, ossia in un universo infinito l’uomo limita se stesso alla sua limitata sfera di conoscenza.

    Comment by Silvio — 3 luglio 2018 @ 10:21

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>